“Casentinesi? Prrrrrrr…” Ci è venuta in mente la celebre scena di Alberto Sordi leggendo l’ennesimo comunicato del Parco in cui si annuncia felici che, ebbene sì, siamo in televisione! Sulla Calla chiusa, gli operatori in ginocchio per la neve, i Mandrioli chiusi per 19 giorni, nemmeno una parola, ma vuoi mettere una bella comparsata in televisione per dire quanto siamo bravi! Il Parco Nazionale, lontano anni luce dai cittadini di questa terra e lontano dalle vere esigenze della sua gente, ormai è solo una passerella mediatica.

Il Badalischio

“Francesco Petretti e la regista di Geo & geo, Francesca Catarci, sono stati ospiti del parco nazionale Foreste casentinesi, monte Falterona e Campigna per affrontare l’ultima tappa del Cammino di sant’Antonio (arriva alla Verna da Padova dopo un lungo passaggio in Romagna). L’intervento, a cavallo tra natura e spiritualità, è stato registrato in mezzo alle risorse storiche e ambientali del Santuario, in una delle sue  affascinanti vesti, quella ammantata di neve. Andrà in onda nella puntata di venerdi 16 marzo (Rai 3, 17 – 18,25). Venerate, accudite e studiate nei minimi dettagli da generazioni di botanici, le Foreste casentinesi sono oggi inserite in un grande parco nazionale ma sono soprattutto la verde culla che custodisce uno dei luoghi più amati da pellegrini e camminatori: il santuario della Verna.  Petretti, accompagnato da fra Michele Maria Pini, guiderà i telespettatori alla scoperta di piante e animali che vivono  intorno all’antica dimora di frati e santi.  Sabato sera, 17 marzo, in prima serata (21, 15), sempre su Rai 3, verrà mandata in onda la puntata rimontata di Presa diretta dedicata al “capitale naturale” italiano, con una lungo passaggio dedicato al patrimonio forestale del Parco nazionale. Nell’autunno scorso la puntata, che apriva la serie di quelle dedicate ai temi ambientali, aveva registrato, nella sua collocazione consueta (il lunedi) circa un milione e mezzo di telespettatori. La trasmissione contiene una intervista del conduttore, Riccardo Iacona, al presidente del Parco, Luca Santini, in cui, tra immagini di grande suggestione, si articola una riflessione approfondita sui “conti della natura”. Riccardo Iacona conduce, anche attraverso la descrizione di contesti fortemente gravati da minacce ambientali, a scoprire il patrimonio ambientale del nostro paese, spiegandone il valore e mettendo in luce i rischi che lo minacciano.”