Un appello accorato ad un’ informazione corretta, rispettosa dell’etica della professione, ma anche del diritto dei cittadini ad essere adeguatamente informati sulle vicende ed i fatti che accadono loro intorno, tutelare l’immagine dell’ente. Questo in sostanza è il senso dell’azione legale intrapresa dall’amministrazione comunale di Subbiano nei confronti della rivista giornalistica on-line subbianocapolonanotizie.it.

La presentazione formale di un esposto alla Procura della Repubblica,  è – per gli amministratori – un atto significativo per riportare l’attenzione comune verso temi oggi molto importanti quali la correttezza e veridicità dell’informazione.

Lo spiega il Sindaco di Subbiano Antonio De Bari: “Il giornalismo deve essere lo spauracchio del potere in senso generale, ossia credo nel valore di controllo di questa importante professione che mantiene alto il senso del vivere democratico in ogni paese. La limitazione di questa professione porta a conseguenze gravissime. Altresì ritengo che anche un’informazione scorretta conduca alla fine del vivere democratico così come lo conosciamo e difendiamo. In un contesto sociale come quello dei nostri comuni, il dare informazione non può diventare uno strumento politico di delegittimazione personale, un mezzo per offendere, denigrare, partendo da assunti falsi o non corretti, da verità edulcorate. La post-verità, ossia il far leva sulla risposta emotiva, di pancia dei cittadini su questioni fondanti, piuttosto che parlare dei fatti reali, rischia di dividere in modo pericoloso la società civile. Contro questo rischio, così elevato e purtroppo così vicino per i cittadini di Subbiamo, abbiamo deciso di sporgere regolare denuncia nei confronti del mezzo di informazione subbianocapolonanotizie.it poiché ritenuto inadatto a svolgere la delicata e fondamentale funzione di mezzo di informazione. Gli articoli o presunti tali che ci rappresentano, sono espressione di una continua e reiterata volontà denigrante nei confronti dell’ente comunale”.

Il Sindaco continua: “Va ricordato che il ruolo dei mass media d’informazione è di diffondere le notizie e organizzarne l’accesso da parte di tutti. Notizie capaci di far meglio interpretare alla gente la società i rapporti con il potere e la politica e con il fine di una pacifica convivenza. Noi al contrario assistiamo ad un continuo di attacchi che minano il buon nome e l’immagine dell’ente. Faccio appello all’Ordine dei Giornalisti affinchè possa monitorare su quanto stiamo affermando e contestando, faccio appello anche ai cittadini, al loro senso di critica e di discernimento che spesso viene obnubilato da componimenti pieni di rancore e rabbia che sono la cosa più lontana da un vero articolo giornalistico e soprattutto dall’intenzione importante di far luce sulla realtà”.

Gli amministratori tengono a rammentare che il procedimento è gratuito e non pesa sulle casse comunali.