fbpx
28.6 C
Casentino
martedì, 28 Giugno 2022

I più letti

A Capolona e Subbiano si lavora per il SI

Il comitato per il Si “Progetto inSIeme”, lancia un appello alle associazioni e a tutti i soggetti attivi nel territorio che hanno a cuore il futuro delle nostre due comunità. Il progetto è di creare un coordinamento tecnico-organizzativo, con alla base una piattaforma condivisa sulle ragioni del SI alla fusione in vista del referendum del 7 Maggio 2017. Crediamo che questa straordinaria e irripetibile occasione di fondere Subbiano e Capolona debba essere condivisa da una ampia partecipazione popolare. Queste due realtà sono oramai una comunità di fatto. Chiunque arrivi in questo territorio non riesce a vedere discontinuità fra i due comuni. Sono tanti i servizi condivisi, oltre all’esistenza di molte associazioni che operano da tempoinsieme. Con la fusione ci sarebbero finanziamenti aggiuntivi per circa un milione e mezzo di euro all’anno per i due comuni, contro i 119 mila euro dell’anno 2014. (Fonte Open Bilanci). Inoltre la fusione servirebbe ad evitare continui scontri delle attuali amministrazioni sui servizi in comune.

Questi sono solo alcuni degli aspetti del notevole vantaggio che la popolazione avrebbe con la fusione di Capolona e Subbiano. Le sfide che ci aspettano sono di grandezza epocale, immigrazione, crisi economica, crisi dei valori, sensazione di insicurezza generalizzata, a tutto ciò non va risposto mettendo la testa sotto la sabbia e sperando in un domani migliore, ma unendo le forze e sfruttando a pieno questa possibilità costruendo un progetto comune di sviluppo. Ed è quindi con quest’ottica che Giovedì 23 Marzo 2017 alle ore 21 presso l’Auditorioum della scuola media consortile Subbiano-Capolona, avverrà l’incontro aperto, per la nascita della Rete per il SI al referendum alla fusione dei Comuni di Subbiano e Capolona.

Ultimi articoli