fbpx
34.9 C
Casentino
lunedì, 27 Giugno 2022

I più letti

Aperto il bando per la gestione delle case dell’acqua

E’ aperto il bando per la gestione del servizio di erogazione di acqua pubblica presso le Case dell’Acqua di Bibbiena che scadrà venerdì 25 Luglio con una durata decennale della concessione. Oggetto della gestione le Case dell’Acqua di Bibbiena Stazione Via Segheria Loc. Tannino , Soci in Via dell’ Orto, Bibbiena in Via Poggetto Poderina ed altri due eventuali luoghi pubblici a scelta fra un elenco dato nei vari centri piu’ popolosi del Comune di Bibbiena.
Per il Comune di Bibbiena attivare le casine dell’acqua ha significato innanzi tutto un’azione di recupero e riuso di immobili che, altrimenti, sarebbero rimasti inutilizzati ( appunto gli ex bagni pubblici a Soci e la vecchia cabina Enel al Tannino) e dall’altro una importante promozione di uso responsabile dell’acqua, di risparmio nella produzione dei rifiuti e anche di economie per le famiglie in un momento di grandi difficoltà economiche. Nelle casine, infatti, l’acqua può essere portata a casa a 0,5 centesimi di euro al litro e si può scegliere tra naturale, gassata e refrigerata.
L’Italia detiene il primato europeo di consumo di acqua minerale in bottiglia: ogni anno ne consumiamo 194 litri a testa. La confezione (in bottiglie di plastica) e il trasporto (principalmente su gomma) dell’acqua minerale hanno enormi ripercussioni sull’ambiente, in termini di emissioni di gas serra e di rifiuti prodotti. Tuttavia anche nel nostro paese sta crescendo la consapevolezza di adottare comportamenti più sostenibili per sensibilizzare alla riduzione degli sprechi. Da queste premesse nasce il progetto “Case dell’Acqua”: un distributore pubbblico di acqua filtrata in forma liscia, refrigerata o gassata, dove il cittadino può riempire self – service le proprie bottiglie.
La realizzazione delle Case dell’ Acqua, mira ad incentivare il consumo di acqua pubblica (che in assoluto è la più controllata) anche come bevanda, e questo ha un significato particolare da un punto di vista ambientale. L’acqua delle Case dell’Acqua E’ ecologica: con essa si favorisce la riduzione di anidride carbonica e petrolio dovuti alla produzione del PET. A ciò si aggiunge un’ulteriore riduzione di anidride carbonica provocata dalle emissioni dei gas di scarico dei TIR che trasportano le bottiglie in plastica. Senza dimenticare il vantaggio determinato dalla presenza di minor materiale plastico da smaltire.
E’ economica: grazie ad essa i cittadini possono avere un risparmio significativo rispetto all’acquisto di acqua minerale in bottiglia. Senza contare la riduzione dei costi di smaltimento delle materie plastiche.

Ultimi articoli