di Francesco Martini – Il comune di Subbiano è completamente autonomo per quanto riguarda il consumo di energia elettrica da parte delle famiglie. Infatti sono stati realizzati: tre impianti fotovoltaici a terra, uno sullacopertura di un centro polifunzionale, altri nelle copertura di privati, un biodigestore, due idroelettrici ed altri impianti minori.
Si tratta di interventi che i privati hanno realizzato a proprie spese con il concorso determinante e fattivo del Comune ed i contributi statali. In particolare abbiamo: 1 MW a Vogognano, 1 MW a Querceti (presso il Rocolo della strada di Montegiovi), 0,226 MW a Catenaia, 0,154 MW sulla copertura della Pro-loco, 1,162 MW Marino mercato, 0,265 Cipriani, 0,09 MW Nardi, 0,065 MW Tesi, 0,028 MW Prosperine, 0,055 MW Cavallini.
Abbiamo, insomma, una produzione annua di 12.069.800 KWh con un risparmio annuo di 2664 tonnellate di petrolio, 6.397 tonnellate annue di Ossido di carbonio, 3,6 tonnellate di poveri sottili.
Il Comune di Subbiano conta 6.459 abitanti e con l’energia prodotta nel comune sarebbe possibile rifornire di elettricità una popolazione di 10.315 in considerazione che il consumo medio di energia elettrica in Toscana é di 1.170 ad abitante.
Discorso completamente diverso per quanto riguarda il consumo complessivo per abitante riferito a 1) consumo domestico, 2) industrie, 3) servizi che é di KWh 5.400 ed a questo le istituzioni devono puntare.
La Toscana ha in questo campo un successo particolarmente esuberante; in provincia di Arezzo abbiamo i seguenti dati:
Cortona, 23.000 abitanti 100%
Sansepolcro, 16.300 abitanti 100%
Bibbiena, 12.600 abitanti 100%
Cavriglia, 9.500 abitanti 100%
Subbiano, 6.400 abitanti 100%
Loro Ciuffenna, 5.900 abitanti 100%
Anghiari 5.800, abitanti 100%
Buono anche il risultato per Poppi, 6.400 abitanti 53% ed Arezzo 100.200 abitanti 37%