fbpx
6.8 C
Casentino
venerdì, 2 Dicembre 2022

I più letti

Chiude la filiale e la Giunta incontra i vertici di UBI Banca

Il Sindaco e la Giunta del Comune di Bibbiena hanno incontrato i vertici regionali di Ubi Banca, nella persona del Dottore Samuele Fedeli, responsabile dell’area territoriale toscana, in riferimento all’annuncio della chiusura dello sportello ubicato nel centro storico di Bibbiena. La banca ha ribadito di voler andare verso la chiusura della suddetta agenzia che già, nel tempo, era stata oggetto di una riduzione di orario di apertura. Nonostante questo il Dottor Samuele Fedeli ha garantito il potenziamento della filiale di Bibbiena Stazione la quale assumerà un ruolo centrale a livello casentinese con l’ampliamento anche dei servizi offerti. Alla richiesta avanzata dalla Giunta di mantenere comunque uno sportello soprattutto per alcuni servizi quali la tesoreria comunale, il dottor Fedeli si è reso disponibile a portare l’istanza presso i vertici della banca. Altra cosa importante che il Dottor Fedeli ha comunicato al Sindaco, è l’interesse di Ubi Banca per il Casentino e quindi il potenziamento di una politica di finanziamento nei confronti delle aziende per lo sviluppo del territorio.

Intanto, nell’ultima seduta del consiglio comunale, quella dello scorso lunedì 31 luglio, è stato approvato l’assestamento di bilancio. Grazie ad un’attenta gestione delle finanze, sono stati risparmiati circa 300 mila euro che verranno investiti in lavori e manutenzioni. In particolare è stato definito un programma molto corposo di asfaltature per il territorio, verranno fatti interventi mirati su aree verdi e aree giochi e  manutenzioni su strade e scuole. Bibbiena è tra i comuni più efficienti  a livello di spese di funzionamento, di pressione fiscale, investimenti e debito. A dirlo sono i dati del Ministero degli interni. Un bilancio, quello bibbienese, insomma, che svetta per efficienza ben oltre i confini provinciali.

Per quanto riguarda le spese di funzionamento pro capite, Bibbiena è a 665 euro contro una media regionale di 970 a parità di servizio. Per quanto riguarda la pressione fiscale pro capite si parla di 320 euro contro i 480 della media regionale. Per quanto riguarda il debito pro-capite siamo a 296 euro contro i 720 della media regionale, mentre sugli investimenti siamo in media perfetta con 120 euro pro capite.

L’Assessore al Bilancio Filippo Vagnoli commenta: “Questi dati ci danno soddisfazione soprattutto per l’impegno messo in questi anni nel rendere il nostro bilancio sempre più efficiente. I dati dimostrano anche un’altra cosa, ossia il fatto che i comuni tra i 10 e 20 mila abitanti risultano più dinamici e produttivi; da qui vorrei sottolineare l’importanza di creare nel futuro municipalità più grandi per ottenere più servizi a costi più bassi e maggiori risorse liberate per gli investimenti importanti e soprattutto meno tasse per i cittadini”.

 

 

Ultimi articoli