fbpx
19.6 C
Casentino
domenica, 3 Luglio 2022

I più letti

Contro la disinformazione sanitaria delle istituzioni

«Il Comitato Salute Casentinese torna ad informarvi, in seguito alle nostre mobilitazioni, raccolte firme e manifestazioni varie a difesa di un diritto a tutti noi comune, nonchè fondamentale ovvero il diritto alla Salute. Nonostante le 8377 firme raccolte e depositate per salvare il reparto di chirurgia d’urgenza a Bibbiena, i nostri Sindaci non le hanno prese minimamente in considerazione ma hanno continuato ad assecondare il volere della ASL e della Regione senza ascoltare nè preoccuparsi della salute e della volontà dei propri cittadini. Quindi come da PAV (Piano Area Vasta – documento redatto da Valtere Giovannini Dirigente Asl, un casentinese) l’urgenza chirurgica è stata chiusa a inizio 2017 e infatti da inizio 2017 dal PS di Bibbiena possiamo constatare una sottrazione di personale (meno 4 Oss) nonostante i nostri politici continuino a parlare di assunzioni FUTURE, sappiamo pure di una diminuzione di personale presso il reparto di Rianimazione che, insieme alla Terapia Intensiva, saranno i prossimi reparti a rischio chiusura.

Data la cattiva informazione che arriva dalle nostre istituzioni INVITIAMO TUTTI I CITTADINI AD ANDARE PERSONALMENTE a visitare l’Ospedale di Bibbiena al suo interno, sarà chiaro a tutti come la parola POTENZIAMENTO sta in realtà per DEPOTENZIAMENTO e SMANTELLAMENTO del nostro ultimo e unico Plesso Ospedaliero di vallata.

Nonostante “questo muro di gomma” da parte dei nostri Primi Cittadini la battaglia per Noi Casentinesi è troppo importante per abbandonarla, ed è per questo che grazie al Consigliere Regionale Marco Casucci abbiamo preparato un’interrogazione che sarà presentata mercoledì 22 febbraio in Commissione Sanità a Firenze, a denuncia non solo di una violazione dei famigerati patti territoriali firmati il 29 febbraio 2016 dai nostri Sindaci, ma a violazione anche di una normativa nazionale che prevede un carattere di eccezionalità per i presidi collocati in zone montane e disagiate.

Avevamo inoltre in programma per la serata del 24 febbraio una importante assemblea per informare la popolazione tutta, ma purtroppo in seguito a delle prime conferme che poi all’ultima settimana sono divenute disdette, abbiamo deciso di rinunciare alla serata in programma compensando con la nostra partecipazione al programma “Caffè Bollente” su Teletruria, giovedì 23 febbraio alle ore 21:00, dove saranno presenti vari politici locali e regionali per trattare il tema dell’accorpamento distrettuale ora in discussione. Quindi chiediamo a tutti i Casentinesi di collegarsi e seguire tale programma poiché la prima arma da utilizzare in difesa del nostro presidio ospedaliero sta nell’informarsi correttamente dato che oramai è evidente come per concludere questo progetto privatistico la politica si basi principalmente sulla disinformazione.»

Comitato Salute Casentinese

Ultimi articoli