Comunicato stampa – Vincenzo Ceccarelli, assessore regionale, si vanta di aver FATTO tanto per la viabilità in Casentino, in realtà se analizziamo bene ci accorgiamo del contrario.
A fronte dei circa 80 milioni spesi sulla strada regionale 71, con le numerosi varianti (Poppi-Bibbiena, Corsalone, S. Mama 1 e 2, Calbenzano, Subbiano nord, Capolona – Giovi) , ad oggi impieghiamo sempre molto tempo per raggiungere Arezzo e addirittura il numero degli incidenti mortali non si può certo dire che sia diminuito.
Avrebbero potuto spendere meglio quella montagna di denaro?
Certo che sì, dichiara Elisabetta Bini candidata per la Lega alle elezioni regionali, evitando le numerose rotatorie cosi pericolose per i mezzi pesanti e creando qualche tratto a 4 corsie, tanto da consentire il sorpasso in sicurezza.
Allo stesso modo riprende la Bini, per il treno lumaca del Casentino. A fronte degli ingenti investimenti, 25 milioni per il nuovo sistema di sicurezza sommati a quelli dei lavori straordinari effettuati ogni anno con svariate interruzioni del servizio, quale servizio viene dato ai Casentinesi? Pessimo, visto che per andare da Stia ad Arezzo il trenino impiega 80 minuti a fronte dei 40 km di distanza. Sono gli stessi tempi di trentanni fa.
Basta così, Casentinesi è il momento di cambiare, voltare pagina, VOTATE PER IL CAMBIAMENTO.

Elisabetta Bini