Soddisfazione da parte del Movimento casentinese “Salviamo l’Ospedale e i Servizi del territorio” per l’incontro organizzato giovedì 21 giugno 2018 presso la Sala comunale del Corsalone. Presenti i referenti dei Sindacati e delle associazioni di categoria e di volontariato che aderiscono al Movimento, oltre a tanti liberi cittadini che vogliono difendere l’assistenza sanitaria nella vallata. Tra i Sindaci, importante la presenza di Giampaolo Tellini e Carlo Toni, rispettivamente primo cittadino di Chiusi della Verna e di Poppi.
La riunione è entrata nel vivo in merito all’importante incontro avvenuto il 7 giugno scorso in Regione insieme, tra gli altri, all’Assessore regionale al Diritto alla salute Stefania Saccardi e al Direttore generale della Asl Toscana sud est Enrico Desideri, i quali hanno accolto e condiviso i 12 punti programmatici presentati dal Movimento. Punti che il Sindaco Toni ha proposto di sottoporre all’approvazione del proprio Consiglio comunale, estendendo l’invito anche agli altri Comuni del Casentino. Idea appoggiata anche dal Sindaco Tellini che ha ribadito come non sempre unire i servizi sia sinonimo di miglioramento. “Il Casentino, in quanto area disagiata, ha bisogno di servizi sanitari efficienti al pari di altre zone più popolate” – ha sottolineato Toni. Se i Consigli Comunali del Casentino approveranno sic et simpliciter i 12 punti, allora gli stessi avranno un peso ancora maggiore nelle decisioni assunte in merito ai servizi sanitari della vallata.
Ci sono stati vari interventi da parte delle forze politiche di minoranza e di cittadini che hanno dimostrato un vivo interesse e un’approfondita conoscenza della materia, nonché la volontà di unire le forze in una collaborazione costruttiva. Tra queste, sostegno è stato espresso da FederConsumatori che ha dichiarato: “In un bacino di pochi utenti se i servizi sanitari diminuiscono ci sarà una concentrazione dei servizi in un centro lontano, Siena nel nostro caso, ciò significa che in futuro le cure saranno accessibili con un enorme aumento economico e a sempre meno persone. Pertanto è necessario che in Casentino i Servizi rimangano efficienti”.
L’associazione “Mauro Grifoni Forever” ha invece illustrato la situazione dell’assistenza pediatrica per cui è indispensabile ottenere la sostituzione dell’unica pediatra pensionanda, prevedendo contestualmente la riarticolazione dei servizi per garantire una qualificata copertura 24 ore su 24 per le emergenze pediatriche, grazie alla formazione in ambito pediatrico del personale del Pronto Soccorso, la collaborazione del pediatria ospedaliero con gli altri medici del team provinciale per permettere l’erogazione di servizi specialistici pediatrici con cadenza quindicinale e il coinvolgimento dei pediatri di famiglia. Istanze che saranno appoggiate dal Movimento.
Tra le informazioni fornite dai referenti del Movimento anche quella negativa sulla chiusura della chirurgia all’Ospedale del Casentino per due settimane nel mese di agosto. Per contro, un importante risultato positivo è il ripristino degli screening mammografici a Bibbiena già a partire dal prossimo 16 luglio. Entro ottobre il Movimento organizzerà una nuova assemblea pubblica però nel frattempo auspica che alcuni associazioni di volontariato, come la maggior parte delle Misericordie, che ancora non si sono espresse, prendano posizione sul tema.
T