fbpx
22.7 C
Casentino
mercoledì, 6 Luglio 2022

I più letti

Gli ultimi della fila

Le cosiddette guerre tra poveri sono quelle che fanno più vittime, soprattutto per quanto riguarda la coscienza. A parte chi le fa per partito preso, soprattutto per motivazioni politiche e quindi “a prescindere”, spesso gli altri le fanno cercando un nemico che sia sempre qualcuno peggio di loro, perché è terribile sentirsi l’ultimo della fila. Abbiamo tutti bisogno, per sopravvivere in questo difficile mondo, di non essere gli ultimi, i peggiori, i più poveri, i più sfigati. Questo video tratto dallo strepitoso film “Mississippi Burning – Le radici dell’odio”, spiega meglio di tanti trattati psicologici questa attitudine umana che ben si lega anche alla situazione attuale.

Dovremmo prendercela con chi sta SOPRA di noi e non con è più sfortunato. Con chi ha chiuso il Punto Nascita per esempio, con chi intrallazza e ruba i soldi pubblici, con chi è in politica da 30 anni e non ha mai lavorato un giorno, con le banche che hanno truffato, con chi abusa tutti i giorni del lavoro delle persone.

Per esempio, un consigliere regionale ci costa 10.000 euro al mese, un migrante 1.000. Le cose andrebbero gestite sicuramente meglio, ma i numeri sono questi.

Meditate, gente, meditate.

Il Badalischio

Ultimi articoli