“E’ inammissibile – afferma Marco Casucci, Consigliere regionale della Lega – che chi presta la sua opera lavorativa, tra l’altro in un ambito sociale e assistenziale, non sia pagato a tempo ed ora. Quello che sta accadendo ai dipendenti della cooperativa Agorà non è tollerabile ed è necessario che le Istituzioni si attivino prontamente per fare chiarezza e riportare alla normalità una situazione che è indegnamente anomala. Ritardare il pagamento degli stipendi è un modo più che censurabile di comportarsi nei confronti di chi, nonostante questo indecoroso trattamento, svolge con impegno la propria attività lavorativa. Siamo solidali, dunque con le svariate dipendenti che, da troppo tempo, sono alle prese con questi stipendi che vengono erogati a “singhiozzo”. Occorre, dunque che i responsabili della predetta cooperativa chiariscano quale sia il presente ed anche il futuro della loro impresa, poiché non è più tollerabile prendere in giro chi lavora. A fronte di questa stringente problematica – rileva Casucci – ho quindi predisposto una mozione in cui chiedo alla Giunta toscana di promuovere immediatamente un tavolo istituzionale fra tutti i soggetti coinvolti per riportare alla normalità questo increscioso stato di cose. Chi lavora – conclude Marco Casucci – deve essere regolarmente pagato ed avere certezze sul proseguimento del rapporto lavorativo che, stando così le cose, appare, purtroppo, alquanto in discussione.

Gruppo Lega Regione Toscana, Ufficio Stampa