fbpx
19 C
Casentino
martedì, 27 Settembre 2022

I più letti

Inquinamento acquedotto Bibbiena. Irresponsabile comportamento del Sindaco Bernardini

Sabato sera ad alcune famiglie di Bibbiena (non si sa come scelte) sono arrivati SmS da Nuove Acque di non bere e non utilizzare per scopi alimentari l’acqua dell’acquedotto. Sono cominciate le telefonate per tentare di capire. Era una bufala o notizia vera? I più non sapevano niente. Il call center di Nuove acque non sapeva dare informazioni precise. Ad un certo punto su facebook è stato condiviso un articolo di La Nazione on line che informava che il Comune “ha appena emesso un’ordinanza per il divieto di utilizzo a fini alimentari della risorsa idrica del pubblico acquedotto, a seguito di un accumulo di letame causato da un privato cittadino nei pressi del campo pozzi “Le Chiane”.

Ora ci domandiamo: chi deve informare i cittadini di non bere l’acqua? Se il Sindaco fa un’ordinanza di divieto di utilizzo non se la può tenere in tasca o appesa alla porta del Comune. Qui si tratta della salute della gente. Non si può scherzare. Ancora oggi, (domenica) mentre stiamo scrivendo non è comparso nulla nemmeno sul sito web del Comune e della USL. Tra i cittadini c’è sconcerto. Non sanno, per esempio, se l’acqua è utilizzabile per cucinare previa bollitura. Tanto più che l’approvvigionamento dell’acqua non si è interrotto, quindi chi non ha ricevuto l’sms o altre informazioni non sa proprio nulla e continua ad usarla normalmente.

SEL Ritiene irresponsabile il comportamento del Sindaco, denunciabile per mancata informazione e per colposo attentato alla salute dei cittadini. Ci auguriamo che non avvenga, ma chi risarcirà eventuali cittadini che dovessero subire danni alla salute? Si è pensato alle donne incinte, ai bambini piccoli ed ai rischi che potrebbero correre? Tanto più che dopo continue campagne (giuste ed opportune) volte a far utilizzare l’acqua dell’acquedotto perché sicura, molti ormai avevano rinunciato all’acqua minerale.

La nostra denuncia mette in evidenza l’inadeguatezza del Sindaco Bernardini a gestire le emergenze, la superficialità ed anche un certo disinteresse per la salute dei cittadini. Oltre le denunce “politiche” riteniamo che dovrebbe intervenire in questo caso anche la magistratura: se non è procurato allarme, allora è certo omissione di doveri d’ufficio.

SEL CASENTINO

Ultimi articoli