Diffondere la voce di Vittorio Sgarbi che affronta l’Inferno di Dante Alighieri nel suo luogo naturale, che fu di Dante, il Castello Dei Conti Guidi, è un evento che in Italia prima di Poppi si può permettere forse solo Firenze. Questa la manifestazione dal titolo, “La Bellezza come Rivoluzione”, che andrà in scena martedì 21 giugno, dove il nostro Castello e dunque Poppi, sarà il suo naturale ripetitore di cultura. L’evento che stiamo allestendo, si prefigge pertanto lo scopo di promuovere, con un taglio frizzante, l’arte e la cultura dei tesori nascosti del Paese Italia affinché siano portati all’attenzione del grande pubblico. Nel corso della serata, che avrà inizio alle ore 18.00 il Prof. Vittorio Sgarbi, interverrà trattando il suo impegno nella riscoperta del patrimonio artistico italiano, volgendo lo sguardo alla figura di Dante Alighieri che con il Castello di Poppi ha un legame indissolubile. Presente alla serata anche l’On. Serena Pellegrino firmataria della proposta di modifica costituzionale dell’art. 1 della Costituzione, tesa a veder riconosciuta la Bellezza come elemento costitutivo dell’identità nazionale.

Spazio anche al territorio con la presentazione da parte di Riccardo Starnotti Presidente dell’Associazione Amici di Dante in Casentino, del progetto dei due cammini: da “Il Cammino di Dante in Casentino” al “Cammino di Michelangelo” coadiuvato da Andrea Manetti autore del libro “Michelangelo nasce in Casentino”. E spazio anche alla musica con un intermezzo musicale del Maestro Raffaele Bifulco che accompagnato dall’arpa arricchirà con strumenti medievali i passi salienti dellaconferenza. Di questo momento, data la rarità ed il prestigio di una simile lettura fatta nel luogo naturale in cui Dante ha trascorso parte dei suoi giorni e che pure raramente ha visto impegnato Vittorio Sgarbi in pubblico, grazie al supporto di Radio Italia 5, la voce di Vittorio Sgarbi raggiungerà, da Poppi, l’intero territorio del centro  Italia. Da qui anche l’ambizione di realizzare un prodotto allo scopo di promuovere la bellezza dei piccoli borghi, dalla cui vendita è intenzione devolvere il ricavato in beneficenza. La manifestazione sarà presentata nei prossimi giorni con tutti gli sponsor Pubblici e Privati che hanno consentito la realizzazione di questa iniziativa che si spera possa ottenere il più alto gradimento di pubblico.

Per quanti vorranno partecipare, si ricorda che l’ingresso è aperto al pubblico ma con prenotazione obbligatoria della cena al Ristorante Casentino al costo di 35 euro. Per le prenotazioni sarà attivato il numero di telefono 339.1621328 ed una e-mail dedicata all’iniziativa per ogni informazione utile, info@vivarte.it.

Il coordinatore dell’iniziativa, Enrico Lettig