fbpx
6.4 C
Casentino
lunedì, 28 Novembre 2022

I più letti

La strada di fondovalle, ancora una vergognosa mulattiera…

Non c’è verso, ogni volta che uno deve andare ad Arezzo, si incazza. E di brutto. E’ successo anche a noi badalischi, timorosi di Lucifero (inteso come anticiclone africano), che abbiamo imboccato la sr 71 in direzione del capoluogo. Erano le 9 e già il termometro segnava +32. Solito incolonnamento di camion su una strada larga come una, appunto, mulattiera degna di Kabul (e ci scusino quelli di Kabul), trattori e api varie, ingombranti camion che raccolgono il sudicio, rotonde che non servono a un cazzo, il solito vecchino che va a 40 e sbanda, con i tir che gli strombazzano a un centimetro dallo specchietto. Insomma, lo avrete capito, una normale trasferta di ordinaria follia verso Arezzo.

Arrivati a Santa Mama, parte la prima vera incazzatura. Ora la stanno asfaltando e già si pregusta il ricchissimo buffet inaugurale ricolmo di prodotti tipici. Ma quanti mesi, anni, e soprattutto, milioni di euro, sono stati spesi per saltare un passaggio a livello e costruire questa mega parabolica?

Pensando a Santa Mama e agli stipendi dei politici che l’hanno voluta, l’incazzatura sale ancora, come la temperatura, ma è dopo Capolona che si arriva al top.

Allora, siamo intorno alle 10 del 1° agosto, giorno lavorativo a tutti gli effetti, a +32 e lanciati verso i +40, stanno rifacendo 10 metri di marciapiede. Naturalmente hanno istallato uno dei più terribili incubi dell’automobilista italiano: il semaforo semovente!!!

Come una piaga biblica o una nemesi personale (ognuno pensa, ma cosa avrò combinato questa volta?), eccolo che appare lontanissimo, nell’aria torrida che sembra evaporare, in fondo a una fila chilometrica.

Per fare un paio di chilometri e passare il mitico semaforo, posto a Ceciliano, ci sono voluti 30 minuti, sotto un sole impietoso; la fila di auto in entrambe le direzioni era impressionante.

In un paese civile questi lavori si fanno di notte (anche per salvaguardare la salute dei lavoratori veramente sfiniti e fradici), ma qui siamo in Italia, ad Arezzo, in questa terra ormai distrutta dal PD e compagnia. Cosa ci dobbiamo aspettare?

Finalmente, dopo aver superato il cantiere che vedete nella foto…, siamo alle porte di Arezzo.

Tranquilli, il buffet di Santa Mama si avvicina…

Il Badalischio

Ultimi articoli