fbpx
5.4 C
Casentino
domenica, 27 Novembre 2022

I più letti

La velina pasquale della Asl è servita

In questo clima pasquale, volevamo non commentare il comunicato riportato sotto, ma è stato più forte di noi, il Badalischio non ha resistito! Nel giorno della passione di Cristo, è arrivato immancabile il report sanitario della ASL su come va tutto bene in Casentino. Forse questa voglia di ribadire ad ogni occasione quanto sono bravi, cela una grande debolezza e la voglia di autoconferme per quanto invece non è stato fatto e soprattutto per cosa ci aspetta in futuro. Ma l’arrivo di due medici in un Ospedale, in reparti che fanno fatica da anni a soddisfare le richieste dei pazienti, che viene salutato come una mirabolante conquista, è davvero il massimo? Toccante anche il passaggio: “La donna viene seguita in toto, dalla gravidanza alla menopausa”. Tutto bello, ma peccato che il punto nascita sia stato chiuso! E ancora più meraviglioso è spacciare cose più che normali (amplificate in modo nauseante dai vari organi di regime, cartacei e non) come grandi promesse patteggiate con i nostri poveri Sindaci a cui è stato fatto ingollare di tutto e qualcuno nemmeno se ne accorto, anzi, tutto contento, ora condividerà orgoglioso sulla sua pagina fb anche queste “conquiste” come un decisivo passo avanti per la nostra sanità, dicendosi che – forse – i patti territoriali funzionano.

In questo clima di letizia, lasciamo sognare i Casentinesi con questi idilliaci comunicati… Buona Pasqua a tutti.

“Tabella di marcia rispettata. L’Asl Toscana sud est sta portando avanti con impegno e precisione quanto previsto dai patti territoriali del Casentino, concordati tra Azienda e sindaci. L’obiettivo condiviso è di mantenere e consolidare l’offerta territoriale e ospedaliera dei servizi socio sanitari.  L’Asl si sta muovendo su più fronti. Recentemente sono stati inaugurati due posti letto che permettono alle persone colpite da evento neurologico acuto (come l’ictus) o semplicemente dopo un intervento chirurgico, di effettuare la riabilitazione in una struttura residenziale situata all’ospedale di Bibbiena. Sono stati attivati i corsi A.F.A. (Attività Fisica Adattata), promossi dalla Asl in accordo con 8 comuni su 10.  Si tratta di un programma specifico di esercizi svolti in gruppo ed appositamente disegnati per cittadini con malattie croniche, capaci di migliorare lo stile di vita e di prevenire o limitare la disabilità. All’ospedale di Bibbiena, come previsto, è arrivato un nuovo medico che ha preso servizio alla Medicina interna, reparto che ogni mese conta più di 100 ricoveri. Implementato anche l’organico della Radiologia con un nuovo radiologo. Al pronto soccorso è stata inserita una figura che si occupa dell’accoglienza e di dare informazioni agli utenti. L’attenzione dell’Azienda si snoda lungo tutta la vita dei cittadini. Sin dalla nascita,  il bambino e la mamma sono seguiti dall’ostetrica durante  il puerperio, anche a domicilio. Tanti sono i servizi previsti, uno fra tutti l’ambulatorio chirurgico pediatrico che prevede una seduta operatoria al mese. La donna viene seguita in toto, dalla gravidanza alla menopausa. E’ già attiva da alcuni mesi l’attività di chirurgia specialistica del pavimento pelvico che va a implementare l’offerta ginecologica. Il 17 maggio appuntamento con “tessere i territori” in Casentino, i professionisti si riuniranno per fare un’analisi attenta e aggiornata sui bisogni del territorio  rispetto ai servizi esistenti e quelli attuabili.”

Ultimi articoli