Sabato 29 novembre (ore 16.30) al Centro Creativo Casentino incontro con Giorgio Zanchini, conduttore di Radio Anch’io (Radio Uno Rai). In che modo le attività culturali, le manifestazioni, le tradizioni di un territorio possono diventare strumento di crescita, di promozione, anche opportunità di rilancio turistico ed economico? E’ intorno a interrogativi come questo che si svilupperà l’incontro in programma sabato 29 novembre (ore 16.30, ingresso libero) presso il Centro Creativo Casentino di Bibbiena (Ar) -Via Umbro Casentinese 1, organizzato dalla Fondazione Giuseppe e Adele Baracchi.

Protagonista dell’incontro Giorgio Zanchini, conduttore della trasmissione Radio anch’io (Radio Uno Rai) e grande esperto di giornalismo culturale. Zanchini sarà al centro di un pomeriggio in cui verranno proposte diverse esperienze di iniziative nate in Casentino per valorizzare il tessuto sociale e culturale della valle. Sarà dunque una conversazione aperta, viva che concluderà il ciclo 2014 di incontri de “Le parole e il silenzio” dedicate quest’anno al Casentino, al bisogno della valle di alzare la testa oltre la crisi, utilizzando le sue peculiarità. La cultura è una di queste. L’ospite permetterà in maniera vivace e stimolante di compiere una ricognizione a tutto tondo sulle tematiche della valorizzazione culturale, soprattutto da parte del mondo dell’informazione, offrendo spunti preziosi anche per il territorio casentinese.

Zanchini, in Rai dal 1996, prima di Radio Anch’io ha condotto trasmissioni come Il Baco del millennio e Tutta la città ne parla, su Radio3. In televisione ha condotto un talk show sulla spiritualità, Il cielo e la terra, su Rai3.
Zanchini si occupa in particolare della relazione tra giornalismo e cultura. Su questa materia tiene lezioni e seminari all’università di Urbino. Sempre a Urbino, insieme a Lella Mazzoli dirige il Festival del Giornalismo Culturale.
Tra le sue pubblicazioni: Utopie. Percorsi per immaginare il futuro; Quale cultura per quale mercato; Il giornalismo culturale. Il suo libro più recente è Un millimetro più in là, intervista sulla cultura, un dialogo con il direttore di Radio Tre Marino Sinibaldi.
La cultura, sostiene Zanchini, è quella parte di vita che puoi cambiare, quel pezzo magari piccolo di destino che puoi spostare: è la condizione necessaria per autodeterminare la propria vita e per liberarla.