fbpx
5.8 C
Casentino
venerdì, 2 Dicembre 2022

I più letti

Leggere Leggeri…

In occasione della Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore, proclamata come ogni anno per il 23 Aprile, l’Amministrazione comunale di Bibbiena, in collaborazione con l’Accademia di Teatro Nata e la Biblioteca Comunale di Bibbiena promuove una giornata dedicata alla lettura per i borghi del centro storico L’iniziativa si intitola “Leggere Leggeri” e prenderà il via alle ore 15,30 del 23 Aprile dalla Biblioteca Giovannini con la lettura da parte di Livio Valenti del brano “Cosa tiene accese le stelle” di Mauro Calabresi. Muniti di cartina e tanta voglia di vivere un’esperienza unica attraverso la voce e le parole, coloro che parteciperanno potranno spostarsi presso la galleria ExpArt di Silvia Rossi dove l’attrice Alessandra Aricò insieme al gruppo di lettura “A viva voce”, leggeranno “Morte di un impiegato”. Al Teatro Dovizi sarà la volta di Andrea Vitali della Compagnia Nata con Federico Tabella, e Claudia Caracolli nella lettura animata di “Conosco un baule”. Un’altra tappa del percorso sarà la galleria Parentesi con la lettura di Mirco Sassoli de “Il damo benefico”. Al Museo “Piero Albertoni” Giorgio Castagna ed Eleonora Angioletti leggeranno “Il barone Rampante”. Il tutto si concluderà nel salone comunale con “Il Concerto di Primavera” in ricordo di Elisabetta Santiccioli e Enzo Catapano con Camilla Gori al violino, Marco Maggi pianoforte, Massimiliano Cuseri Pianoforte, Caterina Ravena pianoforte.

Cos’è la Giornata Mondiale della Lettura? E’ ormai un appuntamento fisso fondamentale nel calendario delle manifestazioni culturali italiane italiane e internazionali. Patrocinata dall’Unesco, è un tributo mondiale a libri e autori che incoraggia tutti, ed in particolare i giovani, a scoprire il piacere della lettura e mostrare un rinnovato rispetto per il contributo insostituibile di quelle persone che hanno promosso il progresso sociale e culturale dell’umanità.

Leggere leggeri 2017

Ultimi articoli

Articolo precedenteArnopolis… Karma!
Articolo successivoComunque vada moriremo democristiani