da Gruppo Consiliare Bene Comune – I  lavori dovevano terminare a gennaio 2019, a fine gennaio 2020 ripartono dopo due anni di bruttezza, incuria, e notevoli disagi: ai dipendenti del comune, ai dipendenti delle poste, al centro storico di Bibbiena e a tutti coloro che lo vivono, alle attività commerciali, al Museo archeologico e al turismo, e alle scuole elementari che, causa trasloco nella loro sede, hanno subito una diminuzione degli spazi , dei parcheggi, e blocco dei lavori che erano in quella sede previsti).
Intendiamoci, siamo contenti che finalmente si muova qualcosa MA non è da comunicare come un grande successo e sopratutto sarebbe da evitare, per pudore, l’attacco arrogante e infantile rivolto a coloro che hanno segnalato gli errori (non le baggianate) che ci sono stati,  da parte della precedente e attuale amministrazione. Scusarsi per i ritardi e i disagi arrecati sarebbe stato segno di umiltà e rispetto per l’intera comunità. Oltre che segnale di buona educazione. L’arroganza infantile invece maschera le difficoltà.