fbpx
16.7 C
Casentino
lunedì, 23 Maggio 2022

I più letti

Niente mascherina in negozi, supermercati, ristoranti e bar

Il ministro della Salute ha firmato l’ordinanza che dal 1° maggio regolerà le nuove norme anti Covid.  Da domenica primo maggio, quindi, non servirà più il green pass rafforzato (ottenuto con vaccinazione o guarigione dal Covid) per frequentare palestre e piscine al chiuso, partecipare a feste e cerimonie, convegni e congressi, entrare in discoteche e sale da gioco, andare al cinema e a teatro. L’unica eccezione sono le visite in ospedale e Rsa, dove sarà necessario esibire il super green pass fino al 31 dicembre. Dal 1° maggio decade anche l’obbligo di green pass base per accedere al luogo di lavoro, consumare in bar e ristoranti al chiuso, salire su aerei, treni, traghetti e pullman intra-regionali, partecipare a concorsi pubblici, accedere alle mense, andare allo stadio e assistere a spettacoli teatrali e concerti all’aperto. In tutti questi luoghi l’accesso diventa libero.

Mezzi di trasporto Per salire su aerei, treni a lunga percorrenza ma anche su metro, bus e navette del trasporto locale sarà obbligatorio tenere la mascherina ancora fino al 15 di giugno.

Scuole E’ stato ritenuto rischioso togliere l’obbligo di mascherina a poco più di un mese dalla fine delle attività scolastiche. Anche in questo caso alunni, docenti e operatori scolastici saranno obbligati a indossare la mascherina negli spazi chiusi delle scuole fino al 15 giugno.

Cinema, teatri, locali di intrattenimento Prorogato l’obbligo di dispositivo anti Covid anche per i cinema, i teatri, locali di intrattenimento e musica dal vivo, eventi culturali al chiuso in generale.

Stadi e competizioni sportive Negli stadi, nei palazzetti e durante tutte le competizioni sportive al chiuso, tifosi e spettatori saranno obbligati a indossare ancora la mascherina fino alla data del 15 giugno.

Ospedali e Rsa La proroga decisa dal governo Draghi riguarderà anche i lavoratori, gli utenti e i visitatori di tutte le strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali. Nell’elenco sono anche comprese le Rsa, le strutture di lungodegenza e quelle riabilitative.

Luoghi di lavoro Per gli uffici si raccomanderà «la necessità di proteggere naso e bocca» ma non ci sarà obbligo a meno che non sia stabilito da un accordo aziendale. Nel testo dell’emendamento non si fa riferimento esplicito al lavoro (sia pubblico che privato). La linea è quella di raccomandare i dipendenti a proteggersi. In casi specifici ci sarà comunque la possibilità di firmare protocolli specifici a seconda dei settori, saranno in quel caso le aziende a decidere per misure più restrittive.

Il testo dell’ordinanza: OMmascherine

Ultimi articoli