Alla fine è successo. Questa notte, infatti, una donna casentinese in avanzata fase di travaglio, è arrivata al pronto soccorso dell’Ospedale di Bibbiena. La donna aveva chiamato la sua ostetrica di fiducia che l’avrebbe dovuta seguire nel travaglio per poi accompagnarla in sala parto ad Arezzo. Ma il travaglio era già in fase avanzata: da qui la decisione di partire subito e fermarsi al presidio casentinese.

In pronto soccorso a Bibbiena, dopo una prima visita e il prospetto di un parto imminente, sono arrivati anche ginecologo e pediatra per far nascere il bimbo in sicurezza. Intanto è stata attivata un’ambulanza per il trasporto al San Donato. La donna, che è entrata in pronto soccorso intorno alle due di notte, ha partorito alle 3,32. Madre e bambino stanno bene e dopo la nascita e le prime cure sono stati trasferiti ad Arezzo.

Nonostante i nostri politici, che hanno permesso la chiusura del Punto Nascita, siamo orgogliosi di affermare che un altro nato all’Ospedale del Casentino c’è stato! Tiè! E alla fine è andata bene, se la neo mamma (a cui vanno tutti i nostri migliori auguri) partiva da Rassina verso Arezzo, avrebbe partorito da Marino fa Mercato…

Nella foto, giovane donna casentinese al nono mese che si avvantaggia e raggiunge il San Donato. Non si sa mai…

donna1