Anche in alcune realtà del Casentino le preoccupazioni per la riduzione dei servizi offerti dagli uffici postali stanno crescendo. Nel servizio realizzato da CASENTINO2000TV un paio di settimane fa abbiamo potuto raccogliere le testimonianze dei cittadini di Badia Prataglia, una delle realtà che con Montemignaio e Chiusi della Verna, sembra destinata a subire tagli e riduzioni.
Adesso è lo stesso amministratore delegato di Poste Italiane, Francesco Caio, a ufficializzare, in una audizione alla commissione Lavori Pubblici del Senato, il proposito della società di chiudere 455 sportelli e razionalizzarne altri 609.
La situazione sembra quindi precipitare per le nostre realtà, se si considera il fatto che le chiusure si concentreranno proprio in Toscana e Umbria.
Continueremo a seguire gli sviluppi della situazione che sembra portare ancora nuove difficoltà e problemi per il Casentino e i suoi abitanti.