fbpx
34.9 C
Casentino
lunedì, 27 Giugno 2022

I più letti

Pensionati, la quattordicesima a qualcuno arriva e ad altri no

da Segreteria Spi Cgil – I pensionati hanno tredici mensilità. Alcuni hanno anche quella che tecnicamente viene definita “quota aggiuntiva” ma che nel linguaggio corrente è chiamata quattordicesima. A chi spetta? Ai pensionati che abbiano compiuto 64 anni di età e che non abbiano un reddito lordo superiore a 13.192 euro annui. La quota aggiuntiva è proporzionata al reddito e va da un minimo di 336 euro ad un massimo di 600 euro.

Sembrerebbe tutto semplice. Ma non lo è. “Ad alcuni pensionati arriva e ad alcuni no. E non riusciamo a capire perché – commenta Giancarlo Gambineri, della Segreteria Spi Cgil. Comprendiamo che la prima volta il pensionato che matura il diritto alla quattordicesima faccia la domanda. E questo anche se l’Inps ha tutte le condizioni per verificare da solo chi e quando matura questo diritto. Ma perché in moltissimi casi la domanda deve essere ripetuta negli anni? Ricordo che l’Istituto, con i dati a sua disposizione e con le dichiarazioni annuali dei pensionati, è in grado di agire autonomamente. Invece si crea una sorta di zona grigia nella quale il pensionato che ha ricevuto la quattordicesima lo scorso anno, questo potrebbe non riceverla. E’  evidente – sottolinea Gambineri – che l’età anagrafica non può subire variazioni all’indietro e che i redditi dei pensionati difficilmente aumentano e, in ogni caso, gli aggiornamenti sono già a disposizione dell’Inps”.

Lo Spi Cgil invita quindi l’Istituto di previdenza ad attivare protocolli che non costringano i pensionati che ne hanno diritto a ripetere annualmente la domanda. “In ogni caso – conclude Gambineri – invitiamo i pensionati che ne hanno diritto a presentarsi presso i nostri uffici o quelli dell’Inca per predisporre la domanda”.

Per approfondimenti: Giancarlo Gambineri 346 2230601

Ultimi articoli