In queste foto tutto lo “scempio” compiuto a Strada in Casentino. Purtroppo c’è ancora chi pota le piante con la “capitozzatura”, metodo sbagliato e aggressivo. Per chi non lo avesse letto, soprattutto per gli amministatori locali, riproponiamo qui l’articolo scritto da Marco Roselli, esperto del settore che illustra come potare le piante e rispettare l’ambiente. E questo suo intervento di oggi sulla questione.

“Gestione delle alberature nel verde pubblico. Alcuni mesi fa pubblicai su CASENTINO2000 un articolo sulla gestione del verde pubblico e privato con particolare riferimento alle potature delle alberature che potete scaricare e leggere qui sotto. Era tempo di scriverlo, viste le modalità con cui vengono gestiti tigli, platani, lecci e perfino conifere. Quella breve nota tecnica aveva per scopo non tanto la denuncia di uno stato di fatto ormai noto a tutti, quanto la fornitura di suggerimenti utili a preservare la salute degli esemplari. Nella pubblicazione si riportavano anche i motivi per cui modalità quali la capitozzatura sono da escludere. Questi hanno a che vedere con la salute delle piante (quindi con la loro sicurezza), con il decoro, con la fruibilità degli spazi pubblici e, fatto non trascurabile, con la cura con cui una amministrazione concepisce i propri beni. Parliamo spesso di “vendere” il casentino a fini turistici e ambientali ma poi come ci comportiamo? Quale biglietto da visita offriamo ai potenziali turisti? Non è questa la sede ma, a mio parere, tutto concorre a qualificarci. Capitozzare le piante come si vede in queste foto rappresenta un insulto a degli esseri viventi (che in tempo di cambiamenti climatici dovremmo venerare) e mina la loro stabilità. Le piante saranno costrette a fare gli straordinari per andare avanti e alla fine si ammaleranno (funghi cariogeni) fino al punto di non ritorno. E pensare che al mondo esiste la ben nota via di mezzo: basterebbe intervenire ogni 3-5 anni con semplici diradamenti dei rami e tagli di ritorno. Si risparmierebbero soldi con miglior figura.” (Marco Roselli)

Speriamo che quello che è successo a Strada (oltre quello descritto nel comunicato della Lista Uniti per il Futuro pubblicato stamattina) non si più imitato da nessun altro comune casentinese.

Scarica l’articolo di Marco Roselli Potare è una cosa seria

Capitozzatura 11Capitozzatura 12Capitozzatura 13Capitozzatura 14Capitozzatura 15