Il 13 è iniziata in mille piazze d’Italia la raccolta delle 500.000 firme necessarie per la presentazione di due nuovi referendum abrogativi destinati a cancellare alcuni aspetti particolarmente dannosi della cosiddetta “riforma Fornero”, relativa al mercato del
lavoro.
Le norme di cui si propone l’abrogazione sono:
– le modifiche che hanno ridotto l’efficacia dell’art. 18 dello Statuto dei lavoratori, agevolando il licenziamento dei dipendenti senza giusta causa e rendendo perciò tutti i lavoratori di
fatto ricattabili anche per le loro idee o la loro adesione sindacale;
– l’art. 8 della Legge 148 del 2011, che ridefinisce i contratti integrativi aziendali consentendo che siano peggiorativi (per i lavoratori) rispetto ai contratti nazionali, che ne risultano
così fortemente depotenziati.
Non si tratta dunque solo di difendere chi un lavoro ce l’ha già, ma di resistere al tentativo di scaricare esclusivamente sui lavoratori e sui disoccupati i costi dell’ attuale crisi economica e sociale, provocata semmai da politiche finanziarie ingiuste e sbagliate, e dall’enorme peso della corruzione e della evasione fiscale.
In tutte le città toscane, da sabato 13 ottobre, sarà possibile firmare per richiedere i referendum abrogativi che tutelano il lavoro e i lavoratori e le lavoratrici. La raccolta firme durerà fino alla fine di dicembre p.v. con numerosissime postazioni in tutto il territorio regionale il cui calendario è consultabile sulle pagine web dei soggetti promotori.
Sarà inoltre sempre possibile firmare presso le segreterie dei vari Comuni.
Chi ritiene giusto difendere importanti conquiste di civiltà e di giustizia sociale da chi ci vuole riportare alle condizioni dell’inizio del secolo scorso, è invitato a firmare prima possibile, facilitando il lavoro dei tanti volontari impegnati in tutto il Paese per la riuscita dell’ iniziativa.

In Casentino i primi appuntamenti con i tavoli dove si raccolgono le firme sono:
Domenica 28 ottobre – PRATOVECCHIO – Piazza P.Uccello – dalle ore 10 in poi
Sabato 3 novembre – POPPI – Castello – dalle ore 10 in poi
Domenica 4 novembre – STIA – dalle ore 10 in poi

Comitato Referendario