fbpx
17.6 C
Casentino
giovedì, 30 Giugno 2022

I più letti

Ucraina: domani il quarto tir della Diocesi arriverà da Subbiano a Drohiczyn in Polonia

COMUNICATO – E’ stato Don Fabrizio Vantini, vicario generale della Diocesi Di Arezzo Sansepolcro Cortona, ieri pomeriggio ad apporre tutti i timbri per la partenza del 4° Tir per la Polonia, insieme  a Don  Andrea  Zalewsky, rettore del Seminario, nel piazzale della Marino Fa Mercato a Castelnuovo di Subbiano alla presenza di Marino Franceschi.
 “Questo quarto camion che parte dalla nostra Diocesi” ha detto il Vicario” è un camion un po’ particolare perché nasce dal desiderio di Marino di condividere questa situazione di emergenza , difficile per gli altri ma che richiama alla condivisione dei problemi con quello che possiamo fare, e lui ha fato una cosa veramente particolare, ha preparato un tir di medicinali, derrate alimentari, materiale di necessità, che attraverso la nostra Caritas andranno alla Caritas di Drohiczynin Polonia , come gli altri che abbiamo già inviato e di cui è stato documentato sia l’arrivo che la distribuzione. ”
“Un aiuto umanitario che viene consegnato in accordo con la  Diocesi  perché abbiamo visto la loro consegna , una consegna senza fermate, ma diretta, capace di arrivare in due giorni al confine con l’Ucraina, un modo veloce di far arrivare gli aiuti soprattutto i medicinali” ha detto Marino Franceschi.
Il Rettore del Seminario Don  Andrea   spiega meglio come avviene la consegna in Polonia “Il camion arriva  alla sede della Caritas che si trova a due ore al confine dell’Ucraina, dove c’è anche la sede Pastorale Giovanile e il Seminario Diocesano , il materiale ricevuto viene distribuito sia  nel posto , sia  alle varie Parrocchie,  dove ci sono i profughi,  sia  inviato  in Ucraina,  infatti la Caritas ancora riesce a mandare pulmini  con i permessi anche sino a Kiev”
Potremmo definirlo il Tir del cuore di un’azienda e del territorio in cui lavora perche’ Marino Franceschi ha promosso questa iniziativa coinvolgendo la ProLoco e la Misericordia di Subbiano con una cena offerta dalla Marino da Mercato al Centro Eventi a oltre 330 persone, e al cui servizio hanno collaborato tante associazioni.  Una cena per l’ Ucraina che ha portato con le offerte ad acquistare medicinali per 5267 euro a cui si sono aggiunte derrate alimentari,  materiale vario offerto dall’azienda subbianese e giocattoli.
Moreno Sensi, che ha organizzato raccolta e tir, per conto dell’azienda, ha tenuto a fare dei ringraziamenti  “Grazie a tutte le associazioni che hanno partecipato , alle popolazioni di Subbiano e Capolona che hanno contribuito all’acquisto di Farmaci e che in due giorni ci hanno donato giochi per i bambini, un grazie a Tatiana che ha scritto nei pallets in ucraino per semplificare lo smistamento della merce”.  Moreno ricordando il lavoro di Tatiana , ha messo in evidenza come la popolazione del territorio sia fortemente sensibile al sostegno alla, popolazione ucraina grazie a questa famiglia ucraina che da cinque anni vive a Subbiano  e che ha partecipato al cammino per la pace e alla cena della solidarietà, riportando la sofferenza e le difficoltà dei suoi familiari che si trovano tutt’ora in Ucraina.
Il grande cuore di Marino, con i suoi 84 anni, ha ancora una volta sostenuto le necessita’ delle popolazioni che hanno bisogno di aiuto, e’da ricordare la sua donazione, sempre in modo diretto e certo, all’India, nel 2004,  per lo tsunami, una somma di dieci milioni di lire che arrivarono a quella popolazione tramite Emmaus e un padre comboniano italiano.
Oggi un nuovo popolo da aiutare e Marino sostenuto anche da Enrico e da tutta la Marino Fa Mercato e’stato pronto ad adoperarsi per questo bisogno umanitario.

Ultimi articoli