Settembre è ormai alle porte, la stagione estiva si conclude e con essa, purtroppo, anche l’amatissima rassegna “Teatro Del Fiume”: questo fine settimana, per la precisione Domenica 1 Settembre in Piazza Matteotti a Strada in Casentino, dalle ore 21:30, andrà in scena l’ultimo degli spettacoli previsti in cartellone, un’ultima occasione per passare una piacevole serata in compagnia della magia del Teatro.
La compagnia Blanca Teatro di Carrara presenterà allora per la gioia di grandi e piccini lo spettacolo “K come Cosimo”, liberamente ispirato a “Il Barone Rampante” di Italo Calvino, scritto e diretto da Virginia Martini e interpretato da Sabine Bordigoni, Matteo Procuranti e Marta Sinacori. Lo spettacolo racconterà con intelligenza e ironia la storia della prima grande ribellione di un bambino: Cosimo Piovasco di Rondò, partorito dalla penna inesauribile di Calvino, che abbandona la tavola paterna rifiutandosi di mangiare un piatto di lumache e rifugiandosi sugli alberi. Da lì Cosimo non scenderà mai più, in un atto di rivolta che ne segnerà definitivamente la crescita, tanto da poterlo definire “un eroe della disobbedienza”.
Gli spettacoli, i laboratori e gli eventi itineranti di questa decima edizione del festival il Teatro del Fiume hanno registrato un bel gradimento e, nonostante le difficoltà economiche, un grande afflusso di pubblico, offrendo a tutti l’occasione per immergersi nei numerosi linguaggi artistici dello spettacolo dal vivo (dai burattini al teatro d’attore, dai pupazzi alle tecniche multimediali, dalla musica al teatro itinerante), linguaggi in grado di stupire ed ammaliare un pubblico decisamente vasto ed eterogeneo: c’è chi ha riso con le trovate comiche de “L’Elefante Scureggione” o di “Se Pinocchio fosse Cappuccetto Rosso”, chi si è emozionato nel vivere in prima persona le vicende del lanifico di Stia con “Tessere – Vite di lana”, chi si è lasciato trasportare dalle note dei Cantierranti in “Senza padrone”, chi si è commosso nell’ascoltare la storia delle vite straordinarie di “Annunziata detta Nancy”, chi ha scoperto il fascino e l’esuberanza della Commedia dell’Arte di “Amori Medici e Ciarlatani”, chi si è letteralemente sbellicato con il cabaret di Alan & Lenny e Noidellescarpediverse, chi ha gettato uno sguardo inedito sulla vallata casentinese con lo spettacolo bilingue “Tippi & Toppi”…e molto altro ancora.
La Compagnia NATA, che da più di dieci anni gestisce la rassegna, e che quest’anno raggiunge il traguardo dei 25 anni di attività, intende allora cogliere l’occasione dell’ultimo evento di Domenica sera per ringraziare pubblicamente e con il cuore tutti quelli che hanno creduto e continuano a credere in iniziative importanti come quella del Teatro del Fiume: il nostro grazie va allora anzitutto agli enti pubblici che, pur nelle ristrettezze economiche, hanno saputo riconoscere il valore del nostro lavoro, alle pro-loco che mantengono viva la nostra vallata offrendo occasioni di cultura e aggregazione non solo di natura culinaria, ai preziosissimi sponsor della rassegna il cui sostegno economico è per noi soprattutto una grande dimostrazione di stima, e soprattutto al pubblico degli spettatori che rinnovano ogni sera quel gesto di amore ricambiato da chi si offre loro sopra ad un palco, perchè come ripete spesso Livio Valenti , Direttore Artistico della NATA: “Per fare Teatro bisogna essere almeno in due, qualcuno che racconta e qualcuno che ha voglia di ascoltare”. Grazie di cuore, e…ci vediamo presto al Dovizi di Bibbiena, al Bicchieraia di Arezzo, all’Antei di Pratovecchio, al Garibaldi di San Piero in Bagno o al Tor Bella Monaca di Roma e ovunque sia possibile “fare Teatro”.
INFO: 335 1980510 – Ingresso 5 €