La “Via nascosta per il monastero di Camaldoli” è l’accattivante proposta dell’associazione Alter trek per il mattino di sabato intorno all’insediamento religioso che si lega alla storia del monaco romagnolo san Romualdo, uno dei luoghi che più caratterizzano l’area protetta tosco romagnola.  Ci si può arrivare da sopra, da sotto o di lato… oppure si può scegliere di percorrere la “via nascosta“, quella occultata agli occhi dei più, che tocca alcuni dei luoghi meno conosciuti di questo cuore mistico del Parco. La proposta escursionistica ricalca il tracciato della Via di Francesco in Toscana.

Il ritrovo è previsto per le 10,30; il rientro per le 16, 30.
Per prenotare si può mandare una mail a: prenotazioni@altertrek.it indicando nominativo, recapito telefonico e numero dei partecipanti.

Alle 14, 30 e alle 16, 15 si potrà partecipare alla visita guidata ai piedi del “Gigante”, l’invaso di Ridracoli, percorrendo anche i cunicoli della mastodontica diga. Si potrà vedere il coronamento dal basso, percorrere l’interno dello sbarramento, capire quali sono i sistemi di controllo. Obbligo di mascherina per il momento di incontro e per entrare dentro al muro.
Vinco-veritas, pedalando al tramonto“, alle 17, è sempre una iniziativa presso il lago: un’escursione a due ruote che inizia con la luce del tramonto e proseguirà nel buio del Parco nazionale, per scoprirlo in un orario che qualcuno potrebbe erroneamente immaginare come  “fermo e silenzioso”. L’anello, in partenza da Idro, ecomuseo delle Acque di Ridracoli, tocca le vallate di Ridracoli e Poggio la Lastra, con tappa finale sul coronamento della diga. Il percorso è lungo 32 chilometri, con un dislivello di 860 m. Il rientro è previsto per le 21.30 circa.
Informazioni presso Idro, ecomuseo della acque, al numero 0543. 917912.

Tutti nel bosco di Campigna!”, in partenza alle 15, 30 dall’albergo Scoiattolo di Campigna, organizzata da “Boschi romagnoli“, è un’ escursione pomeridiana per grandi e piccoli camminatori (almeno 6-7 anni) nella foresta incontaminata di crinale, toccando rifugio Villaneta e Ballatoio, una delle zone di maggior pregio naturalistico del Parco nazionale. Verrà seguito un itinerario ad anello e ci si potrà immergere in una fitta foresta di faggi e abeti, con piante plurisecolari (un gigantesco abete bianco di quasi 300 anni), torrenti da guadare e cascatelle da ammirare.
Escursione adatta per famiglie con bambini di almeno 6-7 anni.
La durata prevista è circa 3, 5 ore, con un percorso di 8 chilometri e 350 metri di dislivello, per un livello di difficoltà medio. Indicazioni stradali: https://goo.gl/maps/A3T2dvumRy62.

L’escursione notturna “Luna piena sul Falterona“, sempre organizzata da “Boschi romagnoli“, è un programma per la serata di sabato, a partire dalle 21. Prevede una notte in quota, sulle cime più alte del parco nazionale. Camminando al chiaro di luna si salirà sul crinale appenninico e si potrà ammirare il panorama sulla pianura romagnola e sulle valli toscane, punteggiate di luci. Dalla vetta del Falterona vedranno anche le luci di Firenze, la città che ha dominato questi luoghi per cinque secoli, governando le selve e scrivendo la storia delle Foreste casentinesi.
Il ritrovo è alle 21 presso l’albergo “Lo Scoiattolo” di Campigna (FC). Indicazioni stradali: https://goo.gl/maps/A3T2dvumRy62
La prenotazione è obbligatoria. Contatti su: www.boschiromagnoli.it

Altro programma in notturna sulle cime dell’area protetta è “Tramonto dal monte Penna“, probabilmente il punto panoramico più affascinante di tutto il parco nazionale delle Foreste casentinesi. Dal suo sperone di arenaria ci si affaccia su tutta la foresta della Lama, sulla valle di Ridracoli, e si gode un’ottima vista anche della riserva naturale integrale di Sasso Fratino. Per arrivarci si partirà dalla foresta di abete bianco dell’eremo di Camaldoli, un luogo ricco di storia e di fascino, strettamente legato alle vicende di questi territori fin da tempi antichissimi. Il percorso prosegue poi nelle splendide faggete di poggio Tre confini, fino alla cima del monte Penna. Si percorrerà la strada di ritorno nel buio della notte lungo una comoda strada forestale. Prenotazioni e dettagli: https://www.quota900.com/events/tramonto-dal-monte-penna-escursione-serale

Capo d’Arno, il lago degli idoli e i boschi patrimonio Unesco” è il titolo dell’ambizioso programma dell’associazione Alter trek per domenica mattina Gli escursionisti verranno portati dove nasce il fiume Arno, la famosissima sorgente dei “ruscelletti” di memoria dantesca, per poi fare un salto temporale prodigioso all’indietro ed essere catapultati al tempo degli Etruschi, presso il vicino Lago degli Idoli, in un vero santuario montano, unico nel suo genere, per rivivere i riti ancestrali di questo affascinante popolo. L’uscita sarà realizzata per mezzo di un ingresso speciale ( su nulla osta del Parco) in aree dove l’accesso con le auto è generalmente interdetto; questa modalità riduce la passeggiata in foresta ad un percorso di cinque chilometri totali. Il ritrovo è per le 9,30 in piazza della Repubblica a Stia per spostamenti con le auto private. Rientro per la metà del pomeriggio.

Per partecipare è necessario prenotarsi scrivendo una mail a prenotazioni@altertrek.it. L’iniziativa è inserita tra le azioni CETS della Carta Europea del Turismo Sostenibile del Parco nazionale. Evento non adatto ai bambini piccoli.
Senz’altro da segnalare -in programma domenica alle 15,30 –  è la visita guidata gratuita al giardino potanico di Valbonella (Corniolo, passo Calla). Si ricorda l’obbligo di mascherina, da utilizzare durante le soste e in ogni momento in cui non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza.
Nel mese di luglio il Giardino sarà aperto giovedì dalle 9 alle 13 e venerdì, sabato e la domenica con orario 9-13 / 14 -18. L’ingresso è gratuito.
Informazioni presso Idro, ecomuseo di Ridracoli, 0543 917912 ladigadiridracoli@atlantide.net.

Dove Scorre il torrente – escursione gratuita nella valle del Tramazzo”, sempre per domenica, è una facile e piacevole escursione nella Valle del Tramazzo accompagnati dalla guida ambientale escursionistica Massimiliano Pitea, alla scoperta della fauna e della flora locali, immersi nella frescura dei boschi del Parco nazionale.
Il ritrovo, alle 14,30, è presso il rifugio Casa Ponte.
Per informazioni e prenotazioni si possono contattare i numeri 333. 8827033, 339. 1337271 (cv.tredozio@parcoforestecasentinesi.it).

“A caccia di ruderi tra Lavacchio e Monte Cavallo“- escursione giornaliera (9-17, da Corniolo) – descrive un percorso tra gli insediamenti abbandonati: un tesoro di case e opere umane che sta rapidamente scomparendo. L’itinerario, che si addentra in una delle zone che maggiormente hanno subito lo spopolamento, porterà alla riscoperta di un passato che non c’è più, fatto di grandi fatiche e strettissimi legami, di meravigliose case in pietra oggi rifugio di uccelli, e ampissimi pascoli, condivisi tra mucche e cervi. Ci si muoverà in gran parte al di fuori della rete sentieristica CAI, per un’avventura nel tempo in uno degli angoli più selvaggi e affascinanti del Parco nazionale. Prenotazioni e dettagli: https://www.quota900.com/events/a-caccia-di-ruderi-tra-lavacchio-e-monte

“Il Bosco di Francesco”, domenica pomeriggio (La Beccia, Chiusi della Verna, h. 15,30) è un’escursione dedicata ai ragazzi nelle Foreste casentinesi che toccherà le ghiacciaie e il Santuario della Verna. Il percorso è di circa cinque chilometri. PerInformazioni e prenotazioni si può contattare la cooperativa Oros, al numero 335 798 7844

Per informazioni sulle altre iniziative in programma nel Parco nazionale si può consultare il sito www.parcoforestecastecasentinesi.it oppure contattare la sede del Parco (0575. 503029) o il centro visita di Bagno di Romagna (0543. 911046).