fbpx
8.3 C
Casentino
mercoledì, 30 Novembre 2022

I più letti

Venti anni senza Bukowski

Il 9 marzo 1994, all’età di 73 anni, il grande Buk muore stroncato da una leucemia fulminante, a San Pedro, poco dopo aver completato il suo ultimo romanzo, Pulp. I funerali furono officiati da monaci buddisti, alla cui disciplina spirituale si era avvicinato negli ultimi anni. La sua lapide recita: “Henry Charles Bukowski – Hank – Don’t Try – 1920-1994”, e sotto appare l’incisione raffigurante un pugile. La scritta “Don’t Try” (Non provare) è una frase che usa in una delle sue poesie, consigliando gli aspiranti scrittori e poeti riguardo l’ispirazione e la creatività. Bukowski spiega la frase in una lettera del 1963: «Qualcuno in uno di questi posti… mi chiese: “Cosa fai? Come scrivi, come crei?” Non lo fai, gli dissi. Non provi. È molto importante: non provare, né per le Cadillac, né per la creazione o per l’immortalità. Aspetti, e se non succede niente, aspetti ancora un po’. È come un insetto in cima al muro. Aspetti che venga verso di te. Quando si avvicina abbastanza, lo raggiungi, lo schiacci e lo uccidi. O se ti piace il suo aspetto ne fai un animale domestico.»
Consigliamo a tutti, soprattutto a quelli che comprando un SUV o l’ultimo telefonino, pensano di aver raggiunto la felicità, di leggersi qualche racconto di Bukowski.
E’ meglio di qualsiasi medicina per rendersi conto di cosa davvero siamo.

Ultimi articoli