fbpx
11.5 C
Casentino
domenica, 21 Aprile 2024

I più letti

Viadotto di Rassina: quattro mesi di “passione” sulla Sr71. Quali sono i lavori previsti

Il senso unico alternato sul viadotto di Rassina, che partirà dal prossimo martedì 2 aprile e si protrarrà almeno fino a venerdì 9 agosto, se non ci saranno naturalmente ritardi nei lavori, ha già creato forte preoccupazione tra tutti i casentinesi.

La nostra valle, già molto penalizzata da una viabilità a dir poco “problematica”, dovrà quindi affrontare, questa volta per motivi legati alla sicurezza, un’altra dura prova; già ci immaginiamo le code chilometriche che si snoderanno lungo la 71 (!!!), anche perché un tragitto alternativo credibile non esiste; passare Rassina da Bibbiena e viceversa sarà davvero un’odissea!

Ma quali sono i motivi di questo stop di almeno quattro mesi? Abbiamo chiesto informazioni alla Provincia di Arezzo che, tramite l’URP Ufficio Relazioni con il Pubblico, dopo aver consultato i tecnici competenti, ci ha fornito queste risposte.

Di che lavori si tratta, quali sono i costi e da chi sono finanziati? «Il viadotto, costituito da n.14 campate a travi in c.a.p., è affetto da problematiche sui giunti d’impalcato che formano dissesti nel manto stradale e da fenomeni di degrado dei copriferri per perdita di impermeabilità dell’impalcato. Col fine di risolvere tali criticità, il progetto, sviluppato a seguito dello svolgimento di una campagna diagnostica in sito, prevede tre macro-interventi:

– rifacimento di tutti i giunti strutturali d’impalcato (n.14 giunti tampone di sotto pavimentazione e n.1 giunto centrale di grande escursione), assieme al rifacimento della pavimentazione stradale e del sistema di smaltimento delle acque di piattaforma, con realizzazione di nuovo strato di impermeabilizzazione e conseguente posa di nuovi strati bituminosi;

– ripristini corticali localizzati sulle parti in c.a. degradate di pile, pulvini e solette d’impalcato;

– rifacimento dei ritegni sismici sugli appoggi dell’impalcato.

I lavori sono stati appaltati per € 1.029.755,88 di cui € 211.064,94 per costi della sicurezza non soggetti a ribasso, oltre IVA di legge. L’intervento è finanziato dalla Regione Toscana, quale ente proprietario del manufatto (la Provincia di Arezzo è ente gestore), per complessivi € 2.100.000,00.»

Quando è stato costruito il viadotto? «Il periodo costruttivo del viadotto risale agli anni tra il 1996 e il 2000 nell’ambito dei lavori di ammodernamento della tratta ferroviaria Stia-Arezzo-Sinalunga, 2° intervento funzionale, variante Rassina-Corsalone.»

La chiusura al traffico è prevista per tutto il giorno o sono previste delle “finestre” libere di transito? «Durante tutti i lavori in carreggiata, il senso unico alternato è previsto tutti i giorni con orario continuato 00:00-24:00.» Devono togliere l’asfalto, il fondo e rifare i giunti del ponte e non c’è modo di richiudere dopo poche ore la parte che aprono.

Come ha già esposto la Provincia con il proprio comunicato, “si invitano tutti gli utenti a prestare la massima attenzione nel tratto di strada interessato dalle attività, oltre a consigliare di intraprendere il viaggio in anticipo rispetto al solito orario o ad utilizzare il trasporto ferroviario”.

Noi, oltre a seguire da vicino la vicenda, invitiamo i nostri politici e amministratori a vigilare al fine che i lavori vengano fatti (oltre che bene, naturalmente) ALMENO nel tempo stabilito e non ci siano lungaggini, fermi e ritardi vari.

In Casentino, per quanto riguarda la sciagurata strada regionale 71, abbiamo già dato… e, purtroppo, tanto ancora dobbiamo dare…

 

 

 

 

Ultimi articoli