fbpx
0.7 C
Casentino
lunedì, 28 Novembre 2022

I più letti

Violenza contro le donne: 12 casi nel territorio. Tante le iniziative

La violenza sulle donne non è un fenomeno lontano, ossia un problema che riguarda le grandi metropoli o le città. La violenza sulle donne è qualcosa che, al contrario ci tocca da vicino. A parlare sono i freddi numeri che, in questo caso, sono anche specchio di ciò che accade nella porta accanto. Tra il 2014 e 2015 i casi presi in carico dal Distretto Casentino sono stati 6, e altri 6 gestiti dal solo Comune di Bibbiena. Sotto i numeri, tuttavia, ci sono loro, le donne colpite, ferite prima nell’animo che nel corpo, le donne disumanizzate, le donne a cui è stato derubato l’orgoglio. Il Servizio sociale del Comune di Bibbiena ha preso in carico – come si dice in gergo tecnico – queste persone, indirizzandole sui vari percorsi, ma anche sostenendole come esseri umani in un difficile – ma non impossibile – percorso di recupero. Quello della violenza dentro le mura domestiche è un problema senz’altro culturale, che viene da lontano e quindi profondo, per questo necessita di un approccio su piani diversi e va combattuto partendo dal concetto stesso di relazione, rispetto, civiltà. Ma è un’emergenza che va affrontata anche in termini operativi. A livello di Casentino il Servizio Sociale Professionale si avvale di due strutture, Consultorio e Territorio ( Distretto o sedi Comunali); il ruolo è quello dell’accoglienza e informazione, valutazione, sostegno e presa in carico. La segnalazione, obbligatoria, viene fatta al tribunale ordinario, alla procura della Repubblica o al Tribunale dei Minori a seconda dei casi. La presa in carico della donna vittima di violenza ha, come detto, un approccio multidisciplinare. Nei casi di estrema emergenza è previsto anche un allontanamento dalle mura domestiche verso case rifugio o comunità; in casi in cui non è stata ravvisata una grave emergenza si attivano una serie di sostegni di tipo psicologico, familiare e sociale. Come sappiamo anche a livello di Usl8 esiste una specifica procedura operativa, il cosiddetto “Codice rosa”, che individua nel Pronto Soccorso il luogo dove più facilmente emergono episodi di violenza subita sia in ambito familiare che extra familiare. Da qui prende avvio una risposta organica anche sul piano psico-sociale costruendo la rete con il territorio: consultorio, medici, pediatri, servizi sociali territoriali, associazionismo, centri anti-violenza e le altre istituzioni. Nel capoluogo di provincia è attiva ormai da anni l’associazione “Pronto donna” con i seguenti recapiti 0575.355053 oppure info@prontodonna.it

“Il coraggio di essere donna, senza più paura” a Subbiano
Si celebra la giornata contro la violenza sulle donne Sabato 28 alle ore 15:00 presso la sala del Consiglio comunale di Subbiano. Sabato 28 novembre con inizio alle ore 15:00 presso la sala del Consiglio comunale di Subbiano in via Verdi 9 si terrà un convegno dal titolo “Il coraggio di essere donna, senza più paura”, organizzato dall’amministrazione comunale nelle persone dell’assessore al sociale Nicoletta Bruno e la consigliera di maggioranza Roberta Montecchi con deleghe alle pari opportunità e famiglia per celebrare la ricorrenza del 25 novembre, giorno contro la violenza sulle donne. All’incontro di sabato parteciperanno, oltre gli organizzatori dell’evento e il sindaco Antonio De Bari, gli avvocati Viviana Esmeralda D’Ettoris e Francesca Marolda, il dottor Paolo Terracciano e il dottor Carlo Livraghi, psicologo e psicoterapeuta.
IL PROGRAMMA DEL CONVEGNO
Ore 15:00 Saluti del sindaco Antonio De Bari e dell’assessore Nicoletta Bruno
Ore 15:10 “Tutela e strumenti in sede civile e penale contro la violenza sulle donne” – Avv.to Viviana esmeralda D’Ettoris e Avv.to Francesca Marolda
Ore 15:50 “Dal fenomeno dello stalking agli atti persecutori”: evoluzione delle condotte disturbanti finalizzate alla compressione della libertá personale” – Dott. Paolo Terracciano
Ore 16:30 “Appartenenza femminile e realtá odierna” – Dott. Carlo Livraghi, psicologo e psicoterapeuta
Ore 17:30 Testimonianze e dibattito
Coordinerà i lavori Roberta Montecchi, giornalista e Consigliere Comunale con deleghe alle pari opportunità e alla famiglia.

Continua l’impegno dei soci e lavoratori Coop Centro Italia del Casentino contro la violenza sulle donne
Si sta tenendo in contemporanea nei punti vendita di Bibbiena e Subbiano l’iniziativa “Ri-trattiamo Eva”, un’estemporanea di pittura contro la violenza sulle donne e una mostra di opere pittoriche a tema realizzate da artisti locali, chiamati a raccolta dai soci e lavoratori Coop. Durante l’intera giornata giovani artisti realizzeranno murales a tema mentre soci e lavoratori distribuiranno – in cambio di offerte da devolvere all’Associazione “Pronto Donna” – un DVD che raccoglie tutte le iniziative realizzate nei due anni di impegno, compresi due video originali.
L’esposizione artistica sarà visitabile nei punti vendita fino a venerdì 27 novembre.
Inoltre, in accordo con i rappresentanti dell’Istituto “Enrico Fermi” di Bibbiena e dell’Istituto “Galileo Galilei” di Poppi, martedì 24 novembre e giovedì 26 novembre due Assemblee d’Istituto, con il coinvolgimento complessivo di quasi 1.000 studenti, saranno dedicate al tema della violenza di genere. Per l’occasione, oltre alla proiezione dei video realizzati dai soci e lavoratori Coop di Bibbiena e Subbiano, sono previste letture a tema e la possibilità di confrontarsi con una preziosa testimonianza di una persona del territorio e con l’esperienza portata dalle volontarie dell’associazione “Pronto Donna”.

L’Appello dell’Assessore al sociale di Bibbiena Matteo Caporali in occasione della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne
Nella giornata mondiale contro la violenza sulle donne il messaggio che l’assessore al sociale Matteo Caporali vuole lanciare è chiaro: “Questa giornata non può e non deve essere solo un momento di ricordo delle vittime, ma deve essere un momento di presa di coscienza collettiva di un fenomeno che ci riguarda tutti, che ci spinge non solo a riflettere sulla nostra cultura, ma anche ad agire. Agire significa da un lato incoraggiare le vittime a denunciare, a parlarne – come hanno fatto le sei persone che si sono rivolte ai nostri servizi sociali comunali – dall’altro significa vigilare, prevenire anche come enti pubblici ed attivarsi per una politica di genere più equa che non si limiti alla riconoscenza verbale o simbolica di certi diritti, ma che cerchi di cambiare il modo stesso di approcciarsi alle tematiche femminili. Trovare le parole giuste, in sostanza per oggettivare il problema e comprenderlo, a cui devono necessariamente seguire azioni giuste, vere e profonde”.

Ultimi articoli