fbpx asd
22.1 C
Casentino
lunedì, 22 Luglio 2024

I più letti

Ancora un successo della Freestyle Dance School di Bibbiena

Domenica pomeriggio, infatti, si è svolta al Teatro Petrarca di Arezzo la nona edizione del concorso internazionale “Piero della Francesca”, ormai uno degli eventi coreutici più attesi e partecipati della penisola. Al concorso hanno partecipato venti scuole provenienti da tutta Italia. Quindi non una manifestazione locale, tra scuole del nostro territorio, ma un evento nazionale e, potremmo aggiungere, internazionale, come testimoniato anche dalla giuria composta da maestri, esperti e coreografi di spessore internazionale.

La Freestyle Dance school, diretta da Francesca Renzi, nella nuova sede di Bibbiena Stazione, non solo ha partecipato, ma ha vinto il primo premio di danza classica categoria over e una serie di prestigiose borse di studio.

Il gruppo che ha partecipato alla esibizione era composto da Sara Brazzetti, Caterina Gioli, Martina Sori, che si sono esibite in una coreografia di Sonia Pericoli.

Insomma la Freestyle, unica scuola di danza del Casentino a partecipare, ha dimostrato che anche nelle nostre vallate di periferia si può fare danza di qualità al livello di quelle delle grandi città.

Una bella soddisfazione per questa scuola e per la sua direttrice, ma anche una soddisfazione per il Casentino, che vede sue giovani ragazze sulla ribalta nazionale ed una sua scuola di danza scelta tra le migliori a livello nazionale, sulla base della valutazione di una giuria prestigiosa di livello internazionale.

La partecipazione a gare di questo livello non è importante solo per i premi vinti, ma anche, e soprattutto, per il confronto tra scuole di alta qualità che costituiscono uno stimolo ad un continuo miglioramento. Da questo punto di vista sono stati importanti i suggerimenti degli esperti della giuria che non si sono limitati al giudizio sulle singole performance, ma hanno elargito consigli ed ipotesi di lavoro

Ultimi articoli

Articolo precedentePoppi; il parcheggio… e poi?
Articolo successivoLa Misericordia di Talla