fbpx
19 C
Casentino
martedì, 27 Settembre 2022

I più letti

Un classico libro per Natale: L’amico ritrovato

di Umberto Rossi – Esiste ancora oggi il senso di VERA amicizia? L’essere uguali, nonostante le differenze di origini, religiose, sessuali, politiche, sociali (e chi più né ha più né metta)? Secondo il libro di Uhlman SI.
Il libro “L’amico ritrovato” di Fred Uhlman, appunto, è ambientato nella Germania sconvolta dalle pazzie di Hitler e racconta la storia di un ragazzo ebreo che riesce, scontrandosi con alcune difficoltà, ad integrarsi nella propria classe e farsi amico un nobile ragazzo tedesco.
La loro amicizia si solidifica moltissimo in un anno, ma purtroppo sono divisi da un incomprensione che causa, anche, l’allontanamento dell’ebreo verso l’America. Intanto nei giorni delle discussioni tra gli amici, i nazisti iniziavano le torture contro le “razze inferiori”.
I genitori dell’ebreo per amor di patria decidono di rischiare la vita restando in Germania per combatter i nazisti, invece decidono di mandare il figlio a finire gli studi dai parenti in America perché non vogliono che lui rischi la vita e perché sanno che la convivenza con compagni di classe e professori tedeschi e dalla parte di Hitler non sarebbe stata certo facile.
I due si “ incontreranno nuovamente” soltanto dopo che cadrà il regime di Hitler e quando il ragazzo ebreo riceverà una lettera con scritto tutti i caduti della guerra dove c’era anche il nome del suo amico, colui era stato ucciso per aver partecipato al complotto per l’uccisione di Hitler.
I protagonisti del libro sono due: il ragazzo ebreo e Konradin, il ragazzo tedesco; nel libro appaiono anche altri personaggi ( i genitori dell’uno e dell’altro, alcuni compagni di classe e due professori) ma tutti di poca rilevanza o meglio che non compiono azioni che cambiano le sorti del libro.
Konradin era figlio di un conte molto importante nella Germania benestanti ed amanti della bella vita. Il padre di Konradin era un amico molto intimo di Hitler e sua madre un sua “ammiratrice” e sostenevano pienamente le idee del nazista per eccellenza e non volevano che il proprio figlio frequentasse le “ razze non-ariane” e questo fu un altro motivo che causò la fine dell’amicizia con l’ebreo.
Anche il ragazzo ebreo era figlio di una famiglia benestante, ma le sue origini… Infatti il padre era un dottore e aveva molta stima di Konradin poiché lui proveniva da una delle più famose famiglie aristocratiche tedesche.
Il libro narra una storia carica di emozioni con un finale sconvolgente, un sogno di libertà un’amicizia pura e sincera, che va oltre le differenze di origine.

Ultimi articoli