La lista civica “Ortignano-Raggiolo per cambiare”, puramente civica e non abbinata a nessun partito politico, è nata per evidenziare la mala politica, lo sperpero di denaro pubblico, l’amministrazione di parte, le divisioni ideologiche tra la società civile e per riportare il cittadino al centro della vita amministrativa, in maniera chiara e trasparente. Siamo sempre stati forti sostenitori del Comune Unico e del referendum e continuiamo a pensare che questa sia la giusta e unica strada per arrivare a un territorio competitivo, efficiente e a un graduale sviluppo economico futuro.
La nostra coerenza l’abbiamo dimostrata anche nell’ultimo consiglio dell’Unione dei Comuni del 30 settembre dove il gruppo di minoranza ha presentato una mozione per rilanciare il progetto del Comune Unico, firmata e voluta anche dal capogruppo della minoranza del Comune di Ortignano Raggiolo .
Oggi, nel nostro piccolo Comune, a nostro avviso, ci troviamo di fronte a un’amministrazione stretta in un angolo, statica e costretta a dover delegare tutte le funzioni all’Unione dei Comuni entro il 31 dicembre. La soluzione di entrare nell’Unione dei Comuni voluta dal Partito Democratico non ha portato i risultati sperati e rappresenta l’ennesimo stratagemma politico atto a mantenere vivi poltrone e voti. Potevamo fare convenzioni con altri comuni associando i servizi, ma la politica locale ha preferito optare per scelte diverse.
Visto che la società civile di Ortignano e le sue consuetudini sono profondamente legate a Bibbiena (sanità, scuola, trasporti, ecc…), il nostro gruppo è favorevole alla micro fusione tra i due comuni, considerandola un primo piccolo, ma importante passo verso il Comune Unico del Casentino.
Gruppo consiliare di minoranza “Ortignano-Raggiolo per cambiare “