fbpx asd
22.2 C
Casentino
lunedì, 22 Luglio 2024

I più letti

Cammina la storia… nei luoghi della guerra e della resistenza in Casentino

L’Ecomuseo del Casentino propone tre passeggiate tematiche collegate alla mostra IL MICHELANGELO RAPITO allestita presso il Castello di Poppi. Si tratta di occasioni di approfondimento storico naturalistico in tre siti di importanza fondamentale legati al contesto della vallata nella Seconda Guerra Mondiale in compagnia dello storico Luca Grisolini. Il 9 agosto 2023escursione tra le tracce di archeologia del conflitto dell’Anello della Linea Gotica di Montanino alla scoperta di uno dei settori maggiormente fortificati della Toscana Orientale e visita guidata alla Mostra Permanente della Guerra e Resistenza in Casentino di Moggiona. Il 13 agosto, in notturna, camminata della memoria da Molin di Bucchio alla frazione di Vallucciole, scenario della prima strage nazifascista indiscriminata compiuta sul territorio regionale che provocò 109 vittime tra donne, uomini e bambini (13 aprile 1944). Il 27 agosto sarà invece la volta di un’escursione nei luoghi simbolo della lotta partigiana della XXII Brigata Lanciotto, attiva sui crinali del Pratomagno tra il maggio e il giugno 1944 nelle fasi preparatorie alla liberazione di Firenze. Di seguito il programma. Informazioni dettagliate sul sito dell’Ecomuseo scaricando il giornale delle iniziative estive all’indirizzo www.ecomuseo.casentino.toscana.it.

3 AGOSTO. CAMMINA LA STORIA… LUNGO LA LINEA GOTICA MOGGIONA, POPPI (AR) Un’escursione dedicata alla scoperta della Linea Gotica nei pressi di Asqua (Camaldoli), accompagnati dallo storico Luca Grisolini. Cammineremo sui passi della storia con tappe musicali nel bosco a cura dell’associazione Casentino Musica. A fine escursione inoltre sarà possibile visitare la Mostra Permanente sulla Guerra e al Resistenza e cenare presso la “Bottega di Comunità” di Moggiona previa prenotazione (da comunicare al momento dell’iscrizione o ai numeri 339 3371425; 375 7018575 ). Ritrovo: ore 16:30 davanti al punto informazioni di Moggiona, Poppi (AR) Costo: 6 € a persona. POSTI LIMITATI – PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA ENTRO IL GIORNO PRECEDENTE a info@cooperativainquiete.it  o al 3714231325 (solo Whatsapp). Ai prenotati verrà inviato il giorno precedente all’evento un sms di conferma.

Domenica 13 agosto. CAMMINA LA STORIA…NELLA “VALLE DELLE LUCCIOLE”. Escursione notturna da Mulin di Bucchio al Sacrario di Vallucciole. Pratovecchio Stia – A Passeggiata con guida ambientale e approfondimenti a cura dello storico Luca Grisolini per ripercorrere luoghi e vicende della strage nazifascista di VALLUCCIOLE del 13 Aprile del 1944 che costò la vita a 118 civili. Appuntamento presso MULIN DI BUCCHIO alle ore 18.00 con visita guidata dell’antico mulino. Salita a Monte di Gianni con possibilità di cena a buffet con prodotti locali ed a km0 (proposta anche veg.) presso l’azienda agricola MONTE DI GIANNI a euro 15 cad. vino escluso (da comunicare al momento della prenotazione). Percorso km 5.5 complessivi, dislivello 220 metri circa. Posti limitati. Prenotazione obbligatoria entro il giorno precedente alle ore 12:00 ad Altertrek – Idee per l’escursionismo in Casentino 320.0676766 (solo messaggio WhatsApp) o via mail a prenotazioni@altertrek.it. Costo: 6 € a persona.

Domenica 27 agosto CAMMINA LA STORIA… SUI PASSI DEI PARTIGIANI IN PRATOMAGNO Cetica, Castel San Niccolò – AR Escursione con guida ambientale, accompagnati dallo storico Luca Grisolini, “alla conquista” dei crinale del Pratomagno e dei luoghi simbolo della resistenza, da cui presero le mosse le azioni dei partigiani per la liberazione di Firenze. Ore 8,30. Ritrovo presso l’Ecomuseo del Carbonaio di Cetica, Castel San Niccolò. Posti limitati. Prenotazione obbligatoria entro il giorno precedente al: 335 7987844 Coop Oros. Costo: 6 € a persona. Ore 13,00 rientro con possibilità di prendere parte al pranzo nell’ambito della Festa del Fungo Porcino a Cetica. Prenotazione obbligatoria entro il giorno precedente da confermare al momento dell’iscrizione all’escursione.

 

 

Ultimi articoli

Articolo precedenteLa vera storia del “Panno”
Articolo successivoMigranti in Casentino