Premesso che noi amiamo la Rete e la possibilità che tutti possano esprimere la loro opinione, è anche importante che ognuno poi si prenda le responsabilità di quanto afferma. In queste ore il nostro giornale e i nostri collaboratori sono stati attaccati e infamati su FB da vari personaggi. Siamo stati attaccati per il nostro articolo di ieri sulla presenza della composizione del Castello di Poppi, fatta di scatole, all’Expo di Milano.

Le scatole sarebbero state realizzate dai ragazzi dei Centri occupazionali e quindi, aver detto che era meglio non portare questa “composizione” a rappresentare il Casentino a questo tipo di manifestazione, ci ha subito fatto passare per i soliti cattivi, per dei “bastardi” che addirittura sono contro i frequentatori dei Centri occupazionali. Siamo stati anche accusati di essere in odore di nazismo!

Ribadiamo con estrema serenità che la scelta di portare le scatole, se fatte davvero dai ragazzi dei Centri, all’Expo (che non è la fiera nazionale del sociale, è la vetrina alimentare e turistica dell’Italia), è una decisione sbagliata, senza senso e fuori luogo, soprattutto non rispettosa proprio di chi le ha realizzate.

Questo naturalmente secondo noi. C’è chi non può essere d’accordo; ce ne faremo come al solito una ragione. D’altra parte, come sempre, siamo l’unico organo di informazione locale che dice le cose come stanno e questo ci ha fatto molti, moltissimi nemici.

Ma da qui ad offendere il nostro lavoro (lavoro sì, che facciamo dal 1993, non siamo a giocare con Facebook) ce ne corre. Visto che il grande Ceccarelli ci ha chiesto 150.000 euro di danni per una domanda! Che Grifagni & C. ci hanno querelato per altri articoli (naturalmente tutto inutile, in Tribunale abbiamo sempre vinto noi), ora ci siamo stancati, è arrivato il momento di farle noi le denunce, portando tutto il materiale ai Carabinieri quanto prima.

PS: Ai nostri “amici” e alle truppe cammellate dei piccoli potenti di turno, consigliamo di non correre a cancellare articoli e post, abbiamo già fatto gli screenshot delle pagine e stampato il tutto.

Ci vediamo in Tribunale. Auguri.

Mauro Meschini,
direttore responsabile di CASENTINO2000