da Lista Civica Poppi Libera – Che il PD con il suo retaggio fosse arrivato alla canna del gas è cosa arcinota. Che anche alcuni sindaci del Casentino decidessero di seguirlo da disubbidenti in quell’atto di umanità, che è di fatto il sostegno all’iniziativa di ricorrere a nostre spese alla Corte Costituzionale contro il cosiddetto “Decreto Salvini” della Regione Toscana, meno. In ogni caso sono rimasti pochini pochini. Da quelli che nella pressoché totale unanimità battevano i tacchi, a una sparuta minoranza sparsa dove non poteva mancare Poppi. Forse l’ultimo Comune più bello d’Italia fedele a quel che ne resta del PD! Auguri!

P.S. Avesse il Comune di Poppi disobbedito alla legge regionale che introdusse le aree vaste, a cominciare da quel porcaio di Patti territoriali che hanno ammazzato il nostro Punto Nascita dell’Ospedale del Casentino facendo ricorso al TAR, lo avremmo preferito. Ma in quel caso ahinoi si doveva disobbedire al PD!

https://www.arezzo24.net/politica/4381-il-documento-sul-decreto-sicurezza-sottoscritto-da-alcuni-sindaci-della-provincia-di-arezzo.html