fbpx
8.7 C
Casentino
sabato, 29 Gennaio 2022

I più letti

La “Targhite” di Vagnoli

In un recente passato era stata la “Gattopardite”, malessere non passeggero di giravolta politica che aveva colpito il predecessore Bernardini. Oggi è arrivata la “Targhite”, nuova e sconosciuta sindrome di cui sembra essere affetto il sindaco bibbienense.

Si manifesta con la voglia irrefrenabile di consegnare una targa a chiunque abbia fatto qualcosa di più o meno importante nel territorio. Essere passato a cresima prima della guerra, 12 anni di compagnia felina e/o canina, 100 chilometri a marcia indietro, aver mangiato 20 bomboloni in 3 minuti, conoscere un cugino di quinto grado di Pippo Baudo, essere stato un giorno in gita a Bibbiena nel ‘57.

Tutte nobili ragioni che devono essere ricordate, ma per chi è affetto da “Targhite”, diventano un’occasione troppo ghiotta ed irrinunciabile per non indossare la fascia e sottoporsi entusiasta alla foto di rito, con consegna della targa commemorativa realizzata all’uopo.

Dopo il rituale post su FB, segue pioggia di like, che è la cosa più agognata del targhite dipendente. Sembra che la spesa delle targhe sia ormai un capitolo importante del bilancio di Bibbiena e qualcuno comincia ad essere in allarme, anche perchè, questa sindrome si acutisce di molto durante il periodo elettorale. Gli uffici preposti sono preoccupati, i produttori di targhe gongolano…

Il Badalischio d’Argento, rubrica di satira politica e controinformazione

Ultimi articoli