di Terenzio Biondi – Nei torrenti delle altre zone del Casentino è raro, quasi impossibile, trovarle; ma nei fossi della Vallesanta ti imbatti spessissimo in quelle che vengono chiamate “pozze scavate nella roccia”. Pozze delle più svariate dimensioni (alcune piccolissime, altre enormi), tipiche di quell’ambiente fatto di rocce calcaree, di calanchi, di canyon… Tutte sotto cascate più o meno alte. La forza dell’acqua, nel corso dei secoli, ha letteralmente scavato nella roccia sotto la cascata, piano piano, delle buche che in alcuni casi sembrano opera dei maestri scalpellini di Strada in Casentino, in altri opera dei folletti che popolano i racconti fantastici della Vallesanta.

Nelle mie giornate di pesca nei fossi della Vallesanta (è una delle zone che prediligo), ho incontrato più volte pescatori che avevano lasciato la canna e stavano fotografando le pozze da diverse angolature, addirittura qualcuno che riprendeva la pozza dalla sommità della cascata, col rischio di un pericoloso “tuffo olimpionico”. E devo dire che mi hanno “contagiato”: le ho fotografate anch’io, tutte (o quasi) in tutti i fossi. Nel Fosso di Corezzo, nel Fosso del Monte, nel Fosso dell’Acqua Bianca, nel Fosso del Baccio…

Le più “geometriche” si trovano nel Fosso Sodaccio: coniche alcune, altre tondeggianti, tutte col fondo e le pareti perfettamente levigate. Le più “fantasiose” nel Fosso di Serra: nelle pareti si alternano anfratti e sporgenze, piccole grotte e lunghi cunicoli; e il colore delle pareti rocciose varia, sì che sotto i raggi del sole il colore dell’acqua nelle diverse zone della pozza vira da un verde tenue a un verde acceso, da un azzurro sfocato a un azzurro vivo come il cielo.

E le trote, direte voi, si pescano numerose in queste pozze? Purtroppo… no, le trote qui sono veramente rare: mancano nelle pozze scavate nella roccia anfratti o massi adatti per formare la tana della trota, e qualche grossa fario la puoi catturare solo dopo grosse piene (sono le trote trasportate a valle dall’impeto della corrente).

Con una eccezione: le pozze scavate nella roccia del Fosso di Serra. Qui l’acqua si è divertita a fare, nelle pareti laterali della pozza, tantissimi anfratti, divenuti tana ambita dalle trote del torrente. E non conosco pescatore che non possa raccontare catture eccezionali in queste pozze.

Pozze roccia 1