fbpx
22.7 C
Casentino
mercoledì, 6 Luglio 2022

I più letti

Ortopedia, servizi rafforzati (?!?) La piscina riabilitativa di Cerromondo è ancora chiusa…

Doveva aprire a maggio, oggi è ancora tristemente chiusa e inutilizzabile, ma con un altro comunicato trionfalistico della Asl, si annuncia il potenziamento dei servizi ortopedici in Casentino. Siamo a novembre,  nonostante gli annunci e i Patti Territoriali (sic!), la piscina riabilitativa di Cerromondo rimane chiusa.

https://www.casentino2000.it/siamo-a-settembre-ma-la-piscina-continua-a-restare-chiusa/

 Ortopedia in Casentino, servizi rafforzati L’ambulatorio apre un giorno in più: le sedute settimanali diventano quindi tre. Novità anche per chi accede dal Pronto Soccorso. Una seduta aggiuntiva alla settimana e 24 accessi diretti dal pronto soccorso. Sono le novità che riguardano l’ambulatorio ortopedico all’ospedale di Bibbiena. Le due sedute settimanali, già previste il martedì e giovedì, vengono incrementate con la mattina del mercoledì. Inoltre, i pazienti che vanno al pronto soccorso per piccoli traumi ortopedici verranno indirizzati direttamente all’ambulatorio. Nel caso quel giorno lo stesso non fosse aperto, il personale fissa subito l’appuntamento per la prima seduta possibile. Ciò, ovviamente, solo per visite differibili. Queste novità sono propedeutiche ad un progetto più ampio che dai primi mesi del 2018 interesserà l’Ortopedia in Casentino, in linea con gli accordi presi dall’Azienda nell’ambito dei Patti territoriali. “L’Asl Toscana sud est continua ad investire negli ospedali e garantisce così maggiore professionalità agli utenti, più servizi e soprattutto risposte in totale sicurezza – conclude Simona Dei, direttore sanitario – L’ospedale del Casentino per noi non è un piccolo ospedale. E’ una struttura importante, a servizio di una vallata su cui dobbiamo investire ancora, sia in risorse economiche che in risorse umane. Questo è il nostro obiettivo”.

Ultimi articoli

Articolo precedenteDon Fabrizio, vicario da Soci
Articolo successivoUn autunno al Museo