Il Comune di Bibbiena è costretto a riaprire il bando per l’assegnazione dei posti del mercato di Bibbiena Stazione. Sono passati solo due anni dall’istituzione del mercato in piazza Sacconi e ben tredici concessionari, più della metà, non presentandosi mai il lunedì mattina hanno perso il diritto di esercitare l’attività negli spazi assegnati. Il mercato è stato fortemente voluto dall’amministrazione Bernardini, nella solita logica che l’ha contraddistinta di accontentare chiunque, senza fare mai scelte veramente ponderate e senza mai credere e spendere energie in ciò che si fa. Chi passa il lunedì mattina per la zona del mercato non può che constatarne il totale fallimento. Ed il primo pensiero va ovviamente a chi, già colpito profondamente dalla crisi, lavora con il mercato, che è stato completamente abbandonato dall’amministrazione.
Come abbiamo sostenuto a suo tempo, contestando la scelta del nuovo mercato, ci auguriamo che questa amministrazione comunale si interessi e lavori per potenziare e migliorare il mercato di Bibbiena in piazza della Resistenza; la situazione delle scale mobili, bloccate da anni, non aiuta di certo e non vorremmo mai assistere a quanto purtroppo sta avvenendo al mercato di Bibbiena Stazione.
Centro Sinistra per Bibbiena