da Unione dei Comuni – Il progetto 0-6, finanziato dalla Strategia delle Aree Interne e dal comune di Chitignano, fa il suo ingresso nella scuola materna di Chitignano scongiurando il rischio chiusura. Si tratta di una scelta educativa che punta a valorizzare al massimo l’apprendimento di una classe eterogenea, con un lavoro di gruppo mirato e articolato. Nel progetto, il nido e la scuola materna mantengono le loro rispettive peculiarità, caratteristiche e proposte educative specifiche, sebbene vengano valorizzate tematiche e spazi di condivisione. “Si tratta di un progetto importante perché salva la scuola materna nel nostro comune – ha commentato il sindaco Valentina Calbi – le famiglie avranno a disposizione un servizio innovativo che ha l’obiettivo di garantire un’offerta formativa continua nello stesso territorio. Siamo soddisfatti di aver lavorato per non togliere un servzio così importante”. La struttura che da lunedì mattina ospiterà il nuovo progetto è stata riqualificata ed è pronta ad accogliere la classe eterogenea dei più piccoli. L’ immagine è quella di un percorso di crescita che fa della scarsità demografica un’enorme ricchezza in termini di comunità, gruppo, senso di appartenenza per i bambini che seguono comunque insieme un percorso progressivo e condiviso nei successivi livelli scolastici. “L’esperienza che nasce a Chitignano è frutto di una sinergia inedita che potrebbe essere di esempio per altre realtà che vivono questi fenomeni di riduzione dei servizi su cui le comunità facevano affidamento – ha commentato Eleonora Ducci assessore alle poliche sociali e scolastiche nell’Unione dei Comuni – una prima esperienza anche dal punto di vista del nuovo ciclo 0-6, che proprio a Chitignano trova la sua prima vera espressione in Casentino e  provincia di Arezzo. Infine, oltre alle dovute considerazioni istituzionali, preme dire che i cittadini di Chitignano avranno un nuovo e funzionale servizio per i propri figli, ed è questa la cosa più importante che ci rende tutti orgogliosi del lavoro fatto.