di Francesco Martini – Proseguendo le interviste sulle dichiarazioni del Sindaco di Subbiano sulla Nazione del 29 u.s. ho chiesto all’Assessore Giovanni Mattesini, punta di lancia del PDL al Comune di Subbiano, che cosa pensa della citata intervista, risposta: «Un’uscita infelice del Sindaco, che è stato eletto proprio con i voti del PDL. Ritengo, tuttavia, che le conseguenze possano rientrare; certo, sarà necessaria una smentita ufficiale alla Nazione».

Indipendentemente da ciò, ritiene accettabile il cosiddetto “decisionismo” del Sindaco ed è soddisfatto dei comportamenti di tutti i membri dell’attuale Giunta?

«Sarebbe auspicabile una maggiore collegialità e stiamo lavorando affinchè questa collegialità venga fuori. Quanto alla soddisfazione per l’operato dei vari membri ritengo che l’Assessore al bilancio, ivi collocato dal PDL,  non abbia manifestato una grande coesione con gli altri membri della Giunta come invece speravamo. Anche questo sarà oggetto di ulteriore approfondimento. Andrà osservato anche il comportamento di altri Assessori».
Oggi può presentare ai suoi elettori un bilancio positivo delle realizzazioni?

«Certamente. Sono soddisfatto di tutto ciò che abbiamo realizzato. Non è bello fare elenchi; ma mi limito qui ad indicare solo un punto: il Governo nazionale ha inserito Subbiano tra i 149 comuni virtuosi d’Italia  e ciò significa buon governo e sana amministrazione delle risorse del Comune: Non mi sembra poco in un’Italia che manifesta deficit finanziari ovunque».

Rifarebbe oggi la lista comune come nel 2000? e per il futuro?

«L’esperienza è valida ed in ciò ci conforta l’affetto che ci manifestano i subbianesi con comportamenti e voti. Tale esperienza dovrà essere proseguita soprattutto perché abbiamo messo in campo dei giovani preparati ed appassionati alla cosa pubblica. Mai il Consiglio Comunale di Subbiano aveva avuto tanti laureati e diplomati come al momento attuale L’esperienza di questo quinquennio potrà essere potenziata nel prossimo in modo da avere un grande futuro ricambio generazionale».

Ed a proposito del PD ed ai futuri eventuali rapporti tra voi e loro ?

«Esiste nel PD subbianese un’anima legalitaria ed una da Guerra di corsa. Noi ascoltiamo ed abbiamo sempre ascoltato i suggerimenti di chi corre con il buon senso, la legge, l’equilibrio; lasciamo i corsari alle leggende del Mar dei Caraibi».