“Daremo un segnale forte per indirizzare l’Ente verso obiettivi concreti”. Così il presidente dell’Unione dei Comuni Montani del Casentino Giampaolo Tellini sintetizza il suo commento relativo alla convocazione del Consiglio dell’Ente, che si riunirà il prossimo 8 settembre alle 18 presso la sede di Via Roma a Ponte a Poppi. Un solo argomento è stato posto all’ordine del giorno: “Relazione del Presidente in ordine alla delibera di Giunta n. 103 del 31 luglio 2015 e agli atti conseguenti – Situazione dell’Ente e prospettive”.
Con quel “Daremo” iniziale, Tellini intende una cosa precisa: “E’ la Giunta dell’Ente che in modo unanime vuol rivolgersi al Consiglio, che è sovrano. In occasione della seduta consiliare, alla quale invito anche la cittadinanza, è intenzione dei Sindaci dare conto del lavoro svolto nell’ultimo mese, perché ci siamo dati alcuni obiettivi e li stiamo portando avanti in maniera unitaria e costruttiva”.
Si riferisce, Tellini, ai cinque punti dai quali ripartire, enunciati intorno a Ferragosto: “Sull’assetto dell’Ente procediamo a ritmi serrati: il primo settembre è in agenda la prossima riunione tecnico-politica, e arriveremo come da programma a definire entro ottobre il progetto da portare all’approvazione dei Consigli Comunali. Sulla ciclopista dell’Arno abbiamo i primi 9 km in arrivo entro l’anno; sul progetto delle aree interne con la Valtiberina, lunedì a Sansepolcro avremo il piano complessivo di iniziative e a settembre firmeremo il protocollo d’intesa con Governo e Ministeri competenti; sul turismo registriamo un segnale importante, cioè l’avvicinamento alla progettualità comune anche da parte di Pratovecchio Stia, che lascia ben sperare per il progetto Casentino nel suo complesso; sul sociale, il 2 settembre è convocato un incontro fra Unione e Comuni di Pratovecchio Stia e Bibbiena per definire iniziative unitarie, ci faremo trovare pronti a livello casentinese. La stessa logica vale anche per il piano strutturale di vallata, un altro dei nostri obiettivi prioritari”.
Insomma le novità non mancano: “Esatto, anche se in questo mese abbiamo scelto spesso di lavorare in silenzio, cercando soprattutto una rinnovata compattezza sui temi principali per il bene del territorio”:
Il Consiglio dell’8 settembre servirà dunque anche per fare una ricognizione sugli accadimenti di queste settimane. “Questo periodo è servito – conclude Tellini – per riposizionare la strategia politica e amministrativa dell’Unione dei Comuni. Abbiamo riesaminato le delibere degli ultimi mesi, condividendole di nuovo e con esse obiettivi e progetti, abbiamo avviato un confronto con Sindacati e RSU per il personale, e questo perché il futuro del Casentino e il lavoro dell’Unione stanno a cuore a tutti noi”.