fbpx
32.8 C
Casentino
martedì, 27 Luglio 2021

I più letti

«Acqua, aria, terra e fuoco» a Chiusi della Verna

COMUNICATO – È iniziato Oida Campus con grande curiosità ed emozione: tanti partecipanti, tanta voglia di stare insieme, in presenza, rispettando tutte le regole che ci permettono di farlo in sicurezza, ma con grande desiderio di vivere un’esperienza unica nel suo genere, in un luogo affascinante e peculiare come Chiusi della Verna e le Foreste casentinesi.

Oida Campus è partito con la settimana dedicata ai junior, musicisti tra i 10 e 14 anni, con vari strumenti, che stanno seguendo in questi giorni lezioni di formazione musicale e orchestrale, ma anche un percorso di formazione più personale, legato al vissuto che ciascuno esprime e vuole comunicare suonando il proprio strumento. Ed ecco che le lezioni sono di musica, ma anche di teatro, di improvvisazione, di comprensione del sé rispetto allo strumento che si suona e sul quale ci si vuole perfezionare. La parte prettamente musicale è coordinata dal Maestro Volfango Dami (Orchestra ReMuTo, Gams), la formazione più olistica e trasversale è curata da Società Seme che opera presso Spazio Seme – Centro Artistico Internazionale.

La settimana dei “junior” si conclude sabato 17 luglio alle 18 (attenzione! Orario anticipato per incertezza sul tempo rispetto a quanto previsto inizialmente) con un’esibizione finale del gruppo ispirata ai 4 elementi “Acqua, aria, terra e fuoco”. I partecipanti suoneranno 4 brani composti per l’occasione da Massimo Melani e si alterneranno sulla scena con azioni di narrazione, teatro, improvvisazione, letture. Sarà una performance “visiva” della musica proposta, in linea con la formazione di Oida Campus, dove un musicista non è solo – o non tende solo ad essere – un virtuoso dello strumento, ma esprime un legame profondo e autentico con l’arte e si prepara nel corpo e nell’anima a regalare al suo pubblico un’esperienza completa. Il concerto dei “junior”, gratuito e aperto a tutti, si terrà sabato 17 luglio alle 18 (attenzione! Orario anticipato per incertezza sul tempo rispetto a quanto previsto inizialmente),  presso i prati del Magnificat, in località La Beccia, nel suggestivo scenario del Santuario che fa da sfondo naturale e bellissimo ai musicisti, i quali suoneranno di fronte alla “scogliera delle Stimmate” in un connubio suggestivo di natura, arte, spiritualità. Per info logistiche sul concerto si può telefonare a ufficio informazioni Comune di Chiusi tel 0575 599650.

Da lunedì 19 Oida Campus riprenderà poi con la settimana dedicata ai “senior” che si concluderà anch’essa con una performance finale sabato 24 luglio presso il quadrante del Santuario della Verna. A seguire giovedì 29 luglio, sempre al quadrante del Santuario della Verna, l’atteso spettacolo di Simone Cristicchi con Oida orchestra instabile di Arezzo dedicato al “Paradiso – Dalle Tenebre alla luce” (infoline Comune di Chiusi 0575 599650).

Oida Campus è organizzato da Associazione OIDA Orchestra Instabile Di Arezzo in collaborazione con il Comune di Chiusi della Verna. Molti i patrocini e i contributi che sostengono questa iniziativa, tra cui quello della Fondazione Guido d’Arezzo, dell’Ente Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna e dei Comuni di Bibbiena, Castelfranco-Piandiscò, Castiglion Fibocchi, Castiglion Fiorentino, Montevarchi, Poppi, Sestino, Sinalunga, Terranuova Bracciolini. Il progetto è reso possibile anche dal sostegno di aziende sensibili ai temi della valorizzazione del territorio e dei giovani talenti come Estra, Associazione Progetto Insieme, Laife, Miniconf, Alterini, Rotary Club Arezzo Est, Soldini, Artecerreta e Soroptimist e grazie alla collaborazione del Santuario della Verna, ReMuTo Rete Musica Toscana e Rondine Cittadella della Pace. Oida Campus collabora con il progetto Erasmus+ CLEA Community Living EducAction cofinanziato dall’Unione Europea.

Ultimi articoli