fbpx
23.5 C
Casentino
martedì, 22 Giugno 2021

I più letti

Bibbiena: i risultati del questionario per gli studenti sulla pandemia

COMUNICATO – Gli ambiti indagati erano il digitale e il suo utilizzo, le relazioni e l’alimentazione. L’intento dell’amministrazione andava nella direzione di un ascolto mutuato attraverso questionari redatti da professionisti, per poi attivare, insieme a scuola e genitori, azioni correttive o di supporto. I risultati emersi sono stati presentati lo scorso 8 di giugno in una conferenza online che ha coinvolto docenti, genitori e amministratori.
Uno dei primi dati emersi è che il 60,4% degli studenti ha difficoltà ad addormentarsi; l’80% ha sintomi psicosomatici; il 58,5% fa sogni involontari sul covid19 o pensa al covid19; l’87% ha sofferto la mancanza di allenamenti nello sport.
Un dato invece allarmante è quello che riguarda l’81,2% degli studenti, ovvero il terrore che hanno maturato a riguardo della perdita di familiari.
Cose interessanti sono emerse anche sul rapporto con i social: il 32% ha ammesso di aver cambiato comportamenti dopo aver letto affermazioni specifiche si coetanei sulle chat. Sempre in merito al digitale e al suo utilizzo, l’86,8% ha affermato di non riuscire ad esprimere i propri sentimenti in chat perché si sentono giudicati.
Per quanto riguarda l’ambito della psicomotricità seguito dalla dottoressa Elena Marruchi è emersa questa grande e grave mancanza dell’attività sportiva diversa da un’attività fisica per l’aspetto relazionale e formativo.
La dottoressa Manila Massai come psicoterapeuta familiare che si occupa di cyberbullismo, ha evidenziato il fatto che questi ragazzi sono stati profondamente segnati da una mancanza di contatto con i coetanei, hanno in sostanza vissuto un trauma che stanno rielaborando.
Il dottor Gianni Cipriani musicoterapeuta ha invece evidenziato l’importanza che ha avuto la musica sia ascoltata che prodotta, nell’aiutarli a ritrovare un contatto con la propria interiorità.
La dottoressa Denise Pantuso come psicoterapeuta, ha parlato di ragazzi che hanno addirittura paura di andare a scuola, hanno avuto reazioni psicosomatiche significative e vivono o hanno vissuto un costante sentimento di perdita.
Sono questi i professionisti che sono intervenuti alla restituzione dei risultati. Girotondo intorno al sogno è un’associazione di promozione sociale che si occupa d’infanzia, adolescenza e famiglia. Si tratta di un team di professionisti specializzati in ambiti diversi e nella prevenzione dei disagi più diffusi durante l’infanzia e l’adolescenza nel nostro tempo.
(Fonte: Comune di Bibbiena)

Ultimi articoli