Offerta formativa più ampia, potenziamento linguistico ed alternanza scuola-lavoro. Merito soprattutto dell’impegno congiunto tra Dirigenza scolastica locale e Associazione Prospettiva Casentino. Gli istituti di istruzione superiore del Casentino tornano ad attrarre studenti, con un boom di iscrizioni per il nuovo anno che ha fatto dimenticare il buio delle scorse stagioni. L’Istituto superiore Galilei di Poppi ha avuto 115 iscrizioni contro le 89 dello scorso anno: nel dettaglio, il Liceo Scientifico ha registrato quasi il doppio (66 iscritti quest’anno contro i precedenti 37) mentre l’Istituto economico per il marketing e la finanza, “ex Ragioneria”, ha registrato 24 iscrizioni contro le precedenti 18; stabile il numero di iscrizioni al Liceo delle scienze umane. Molto bene anche l’Isis di Bibbiena: 79 iscritti contro i 63 dello scorso anno, 15 all’Ipsia di Poppi contro i 10 della passata stagione e ben 12 al Professionale contro i numeri esigui degli scorsi anni (5, 6 unità). Molti i motivi che stanno alla base di questa ripresa e del rinnovato ruolo di centralità culturale ritrovata a livello locale. Per quanto riguarda l’Istituto superiore Galileo di Poppi ha pesato sulla scelta dei ragazzi e delle loro famiglie l’impegno della dirigenza e dei docenti sul fronte dell’ampliamento dell’offerta formativa: corsi facoltativi quinquennali di inglese potenziato e di spagnolo con docenti madrelingua (svolti in orario scolastico per gli alunni dei tre indirizzi) che aumentano il numero delle lingue straniere; corso quinquennale facoltativo di potenziamento delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione affidato a un docente specialista (anch’esso svolto in orario scolastico); l’introduzione per tutti, a partire dalle prime fino alle quinte, delle “classi 2.0”. Queste ultime consistono nell’utilizzazione integrata di materiale di studio tradizionale e di strumenti digitali come tablet per ciascuno studente e lavagne interattive, protagonista diventa la multimedialità in aula per l’apprendimento delle discipline del piano di studi. A tutto ciò si aggiunge, in primis, al pari di altri Istituti toscani molto quotati, l’opportunità di ottenere certificazioni internazionali delle lingue straniere studiate (inglese, francese e spagnolo) e, novità assoluta per il nostro territorio, anche la certificazione internazionale delle competenze economiche – l’EBCL, ossia l’European Businness Competence License – dopo l’accreditamento dell’Istituto tecnico economico per la finanza e il marketing quale ente certificatorio per il patentino economico. Da due anni, inoltre, è stata avviata e potenziata la partecipazione a programmi europei di grande spessore culturale e formativo quali scambi di classe e collaborazioni Erasmus. L’offerta formativa è arricchita ulteriormente da corsi facoltativi di teatro e di musica che si svolgono in orario aggiuntivo al pomeriggio. L’Istituto superiore Galilei ha quindi implementato in anticipo il “curricolo dello studente” che la legge della “buona scuola” prevede dalla terza superiore, impegnandosi nella messa a punto di una “scuola su misura” , in grado di rispondere ai bisogni degli alunni e alle aspettative delle famiglie.

Anche l’Isis di Bibbiena (che comprende invece Istituto Tecnico, Istituto Professionale Manutenzione e Assistenza Tecnica e l’Istituto Professionale dei Servizi Commerciali di Poppi) ha investito sul respiro europeista, quindi sul potenziamento linguistico e soprattutto sull’alternanza scuola-lavoro per i ragazzi meritevoli di ogni indirizzo, ma anche su programmi internazionali che portano gli studenti a lavorare per due mesi in aziende all’estero e in quelle presenti sul territorio grazie alla disponibilità degli imprenditori dell’Associazione Prospettiva Casentino. A fornire un elemento di forza agli Istituti della valle è stata, infatti, anche l’Associazione che, lo scorso 18 Novembre, ha sottoscritto con la Rete degli Istituti Scolastici del Casentino, un accordo di programma con il quale, di fatto, la realtà associativa si mette al servizio della scuola anche a livello di programmazione condivisa, sostenendo l’offerta curriculare con potenziamenti didattici mirati all’immersione nel mondo del lavoro, ad una collaborazione fattiva sul fronte dell’alternanza scuola-lavoro, e con il sostengo all’apprendimento dell’inglese nelle classi quinte degli Istituti Superiori e nelle classi prime delle Scuole Elementari.

La componente Prospettiva Casentino, ossia l’Associazione di imprenditori che crede, investe e sostiene le scuole della Rete, è stata vissuta dalle famiglie come una garanzia per il futuro. L’attività di Prospettiva con le scuole del territorio non si concentra solo sugli Istituti superiori, ma si inserisce, in un percorso ragionato, fin dalle elementari con progetti tesi ad avvicinare i giovani al territorio anche in termini imprenditoriali con visite guidate in azienda, progettualità mirate a promuovere uno spirito creativo e propositivo, ma anche progettualità volte alla conoscenza dei valori e delle bellezze di un territorio che per essere tutelato e quindi promosso e costruito, ha bisogno di essere innanzi tutto amato. Una funzione sociale, quella degli imprenditori di Prospettiva, che è stata colta dalle famiglie e apprezzata anche nel momento della scelta della scuola a cui affidare i propri figli.

Commenti di: Giovanni Basagni (Presidente Prospettiva Casentino), Silvana Gabiccini (Dirigente Scolastico ISIS “Galileo Galilei” di Poppi), Gianfranco Gentili (Dirigente Scolastico ISIS “E. Fermi” di Bibbiena)