fbpx
16.7 C
Casentino
sabato, 20 Agosto 2022

I più letti

Consegnate le firme della petizione per l’Urgenza Chirurgica

Dal niente, non viene niente ma da una mobilitazione come quella del 12 novembre ci saremmo aspettati almeno una risposta concreta dai nostri sindaci e invece… niente. In ogni caso oggi è stata registrata la volontà di 8377 cittadini! Gli 8377 cittadini casentinesi che hanno richiesto comunemente il rispetto di un diritto a tutti loro comune, a prescindere dal colore politico: il diritto alle cure e alla salute”.

Queste le considerazioni fatte da Carlotta Balzani, presidente del Comitato Salute Casentinese, al momento della presentazione, all’ufficio protocollo del Comune di Bibbiena, della petizione popolare che chiede il ripristino dell’Urgenza Chirurgica all’ospedale di Bibbiena che, se non saranno presi al più presto provvedimenti, chiuderà a inizio 2017. Il Comitato aveva inviato, il 16 novembre, una richiesta formale di incontro con la Conferenza dei Sindaci per consegnare la petizione e solo dopo un lungo silenzio era arrivata una risposta in cui si confermava l’invito alla prossima riunione senza però specificare una data precisa. Considerata la ristrettezza dei tempi il Comitato ha così deciso di far comunque oggi protocollare la Petizione, sperando che questo appuntamento con la Conferenza dei Sindaci si concretizzi al più presto.

Durante la consegna della petizione, dopo ripetute richieste, è stato possibile anche avere un breve incontro con il sindaco Bernardini che, però, non lascia certo sperare in una positiva evoluzione della vicenda. Il sindaco infatti ha, in pratica, riaffermato che la decisione è stata presa e che non verrà modificata.

Questa drastica presa di posizione non ha sorpreso più di tanto il Comitato, considerato quello che è accaduto in occasione della manifestazione del 12 novembre.

Non ci stupiamo più di niente, poiché da mesi incontriamo molteplici ostacoli, ancor più evidenti nell’organizzazione dell’evento che il 12 novembre scorso ha visto una vera unione popolare casentinese manifestare per difendere il proprio diritto alla salute e alle cure, di cui ci stanno pian piano privando. Siamo stati sanzionati per i manifesti mortuari affissi prima della manifestazione – denuncia la Presidente Carlotta Balzani – ma la cosa più grave è che la sanzione è pervenuta dopo 10 giorni e indirizzata al vicepresidente come singolo cittadino, anziché come parte di un Comitato legalmente riconosciuto. Il gesto del sindaco di Bibbiena ci è sembrato una mancata accettazione che all’interno del Comitato ci sia una comunità, comunità che manterremo viva e faremo crescere ogni giorno, poiché, nonostante queste difficoltà, andremo avanti pur consapevoli di ciò che rischiamo.

Ultimi articoli