fbpx
6.3 C
Casentino
mercoledì, 7 Dicembre 2022

I più letti

Nuovo centro diurno a Bibbiena: Bernardini risponde alle accuse

In riferimento a quanto apparso sulla stampa in merito al nuovo centro diurno per disabili di prossima apertura a Bibbiena, il sindaco Daniele Bernardini intende fare alcune considerazioni.

“Le affermazioni riportate – afferma il primo cittadini di Bibbiena – sono del tutto infondate e a tratti perfino infamanti. Si arriva infatti a sostenere, in maniera infondata e non dimostrabile, che la struttura in questione non avrà i requisiti richiesti dalla legge, elencando addirittura alcune cose come locali mancanti di finestre e gestione affidata al volontariato. Duole dover leggere queste cose, poiché tutti, comprese le famiglie, sanno alla perfezione che tale struttura avrà tutti i requisiti sia strutturali che gestionali per essere accreditata sulla base della legge regionale, cosa che probabilmente non hanno gli attuali centri”. Il sindaco Bernardini continua a ribattere puntualmente partendo anche dalla data di attivazione e dice: “L’amministrazione comunale di Bibbiena non soltanto ha comunicato per tempo che dal 1′ di marzo sarà in funzione il nuovo centro, ma ha anche invitato le famiglie ad un incontro di presentazione del servizio stesso, appuntamento che è stato goffamente boicottato dagli aderenti all’associazione Agaph – adducendo come scusante un improbabile ritardo nella spedizione degli inviti – ma al quale hanno partecipato altre famiglie interessate che hanno potuto apprezzare il livello innovativo dell’offerta assistenziale. Possiamo e dobbiamo accogliere le preoccupazioni delle famiglie disagiate che si prendono cura o hanno al loro interno persone diversamente abili, ma con la stessa correttezza, non intendiamo accettare che questa loro condizione venga strumentalizzata per fini diversi. L’amministrazione e la cooperativa Koinè, gestore del centro, rimangono a disposizione delle famiglie per una nuova illustrazione del servizio, anche direttamente nei locali in allestimento, certi che le famiglie potranno comprendere appieno ogni aspetto della nuova realtà e certamente ricredersi rispetto a ciò che è stato loro riferito”.

Il Sindaco Bernardini conclude questa sua riflessione, all’indomani dell’uscita del comunicato dell’associazione che raccoglie alcune famiglie di persone diversamente abili, si dice “dispiaciuto” del clima che è stato volutamente creato ma “convinto di offrire alle famiglie dei disabili un servizio di eccellenza”; ribadisce inoltre la necessità di realizzare questo nuovo centro “consapevole che nel territorio comunale esistono altre persone che potranno usufruirne, cosa evidentemente ignorata o addirittura indifferente alle famiglie che attualmente beneficiano del servizio in altra ubicazione”.

Ultimi articoli