Il Sindaco di Chiusi della Verna, Giampaolo Tellini annuncia l’uscita dall’Ente di cui è vicepresidente (sì, avete letto bene!) e di cui diceva, non molto tempo fa: “Ho contribuito a questo percorso sia come sindaco che come membro attivo dell’Unione. Per questo voglio ringraziare tutti i sindaci, i tecnici la Giunta assieme ai quali abbiamo deliberato questo lavoro portato avanti uniti, per il futuro del Casentino. Come dico io, l’Unione dei Comuni, sono i Comuni ”.

Appunto, come dice lui, peccato che poi l’esperimento non abbia funzionato, di Comuni ne restano sempre meno e Tellini è solo l’ultimo dei convitati fuggiti di corsa dal tavolo dell’Unione dei Comuni. Praticamente Tellini è riuscito a smentire anche sé stesso!

Purtroppo aver avuto ragione – da sempre – su questo carrozzone targato PD che si è sfasciato già alle prime curve dimostrando la “sola” che era, venduta ai casentinesi come bolide da corsa e già in lista per essere rottamata, non ci fa stare meglio, anzi aumenta in noi il rimpianto, ogni ora di più, per il Comune Unico.

A questo punto, per il bene dei dipendenti dell’Unione e dei servizi ancora erogati ai cittadini, l’unica svolta sensata in cui sperare è quella dell’arrivo di un Commissario, inviato dalla Regione o da chiunque altro ne abbia il potere, per gestire in modo almeno decoroso, quel che resta dei poveri resti della fu Comunità Montana del Casentino. Una gestione temporanea naturalmente, fino all’ormai improrogabile scioglimento dell’Unione stessa.

Un compito difficilissimo che forse non sarebbe in grado di assolvere nemmeno il più celebre dei commissari, il Commissario Rex…