“E’ noto – affermano Marco Casucci e Jacopo Alberti, Consiglieri regionali della Lega – che, in Casentino, opera un unico ospedale, in una vallata di 800 km. che è sito a Bibbiena. Fatta questa doverosa premessa, considerati alcuni pensionamenti già attuati ed altri che lo saranno entro l’anno (il nostro riferimento è a Primari), senza dimenticare la mancata sostituzione di numerosi medici di famiglia  che, quindi, non potranno più garantire, soprattutto agli anziani, una fondamentale assistenza sanitaria a domicilio, abbiamo, quindi deciso di redigere una specifica interrogazione, protocollata venerdì scorso, in cui chiediamo di fare chiarezza sulla predetta struttura ospedaliera. In particolare visto che il nosocomio di Bibbiena non può continuare ad esistere senza la precisa garanzia di un fondamentale potenziamento tecnologico, nel nostro atto consiliare riteniamo utile conoscere come valuti l’Assessore competente l’attuale situazione della struttura sanitaria, con particolare riferimento pure alla necessità di potenziare la rete dei trasporti sanitari, tenuto conto delle caratteristiche logistiche della zona ed il frequente bisogno di trasferimenti di pazienti per prestazioni in ospedali maggiormente attrezzati come quelli di Arezzo, Siena e Firenze. Infine vogliamo conoscere se e con quali tempistiche la Giunta regionale intenda realisticamente assicurare al citato ospedale i mezzi necessari e gli idonei strumenti per fronteggiare in modo adeguato i normali e quotidiani carichi di lavoro. Sulla stessa lunghezza d’onda anche Egiziano Andreani, Responsabile politico della Lega in Casentino: ”La salute è un bene primario per tutti noi cittadini ed è per questo che anche in Casentino, saremo sempre attenti alle sue dinamiche.”

Gruppo Lega Toscana